Diabete, tipo 2

Cos'è e come si manifesta il diabete di tipo 2?

Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla carenza o dal malfunzionamento dell'insulina, un ormone prodotto dal pancreas, che consente allo zucchero glucosio di entrare nelle cellule dell'organismo, dove viene utilizzato come fonte energetica. Se l'insulina è poca o funziona male, il glucosio si accumula nel sangue, ma non entra nelle cellule. Esistono due forme principali di diabete: il tipo 1 e il tipo 2. Il diabete di tipo 2 è la forma più comune; si manifesta in genere dopo i 30-40 anni. Se non viene adeguatamente trattato, è associato a complicanze croniche che riguardano diversi organi e tessuti, in particolare gli occhi (retinopatia diabetica), i reni (nefropatia diabetica), il cuore e i vasi sanguigni (malattie cardiovascolari) e i nervi periferici (neuropatia diabetica, con perdita di sensibilità e dolore agli arti; nei casi più gravi può essere necessaria l'amputazione).

Come si trasmette il diabete di tipo 2?

Nel diabete di tipo 2 il pancreas è in grado di produrre insulina, ma le cellule dell'organismo non riescono a utilizzarla. Le cause precise dell'insorgenza del diabete non sono ancora note; tuttavia, si sa che si tratta di una malattia multifattoriale, in cui sono probabilmente coinvolti diversi geni e fattori ambientali. È possibile che l'insorgenza della malattia si verifichi in persone che hanno uno stile di vita “diabetogeno” (caratterizzato da obesità, alimentazione eccessivamente ricca di calorie, scarso esercizio fisico, ecc.) e una particolare predisposizione genetica.

Come avviene la diagnosi del diabete di tipo 2?

Sulla base dei sintomi, la diagnosi viene confermata da semplici esami del sangue (glicemia a digiuno o durante una curva da carico). Altri test, come la misurazione degli autoanticorpi e del peptide C, permettono di distinguere tra diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per il diabete di tipo 2?

Il trattamento è sintomatico: per ridurre le complicazione associate al diabete (specie quelle vascolari), si interviene cercando di tenere sotto controllo la glicemia, la pressione del sangue, i livelli di grassi. Oltre a una dieta adeguata, sono vivamente consigliati l'esercizio fisico e l'abbandono dell'abitudine al fumo.

Le associazioni amiche di Telethon:

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter