Amaurosi congenita di Leber

Cos'è e come si manifesta l’amaurosi congenita di Leber?

L’amaurosi congenita di Leber è una malattia genetica che colpisce la retina, provocando cecità o grave danneggiamento della vista fin dalla infanzia (in genere l’esordio è nei primi sei mesi di vita). È la causa più frequente di cecità infantile ereditaria, con un'incidenza di 3 casi ogni 100.000 nati vivi. Oltre alla marcata ipovisione, un altro sintomo tipico è il nistagmo, cioè il movimento continuo e incontrollato degli occhi.

Come si trasmette l’amaurosi congenita di Leber?

Si conoscono 15-20 geni associati (quando alterati) all’amaurosi congenita di Leber; nel 5-10% dei casi la malattia è causata da mutazioni del gene RPE65. La trasmissione avviene con modalità autosomica recessiva: perché la malattia si manifesti occorre ereditare le due copie alterate del gene coinvolto da entrambi i genitori, che sono invece portatori sani della malattia.

Come avviene la diagnosi dell’amaurosi congenita di Leber?

La diagnosi è principalmente clinica; un successivo esame dell’attività elettrica della retina (elettroretinogramma) rivela l’assenza di questa attività. Un’ulteriore conferma della diagnosi può venire dall’analisi genetica, svolta in Italia in alcuni centri specializzati.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per l’amaurosi congenita di Leber?

Non esistono protocolli terapeutici definitivi. Negli ultimi anni, però, la terapia genica si è rivelata una strategia promettente per una forma di questa patologia, quella dovuta a mutazioni di RPE65. La terapia – che prevede la somministrazione del gene terapeutico tramite un vettore virale inoculato direttamente nell’occhio dei pazienti – si è dimostrata sicura e capace di migliorare le capacità visive, soprattutto se intrapresa precocemente come emerso da sperimentazioni effettuate su almeno 20 pazienti. Grazie a questi risultati positivi è presumibile che nei prossimi anni si potranno avviare le procedure per rendere questo trattamento effettivamente disponibile a tutti i pazienti con mutazioni nel gene RPE65. Inoltre, si potrà provare ad applicare la stessa strategia ad altre forme di amaurosi congenita di Leber, nonché ad altri tipi di ipovisione ereditaria.

Le associazioni amiche di Telethon

 

Orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sull'amaurosi congenita di Leber

Aggiornato il 5 marzo 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Dalla ricerca Telethon nuova luce sulla sindrome di Lowe
Un lavoro dei ricercatori dell’Istituto Telethon di Pozzuoli (TIGEM) ha permesso di chiarire alcune dinamiche a livello cellulare che fanno luce sull’insorgenza della sindrome di Lowe, e potrebbero costituire i primi passi per contrastare i danni causati dalla malattia.La sindrome di Lowe è una ...
immagine-anteprima-news
Al via una collaborazione scientifica tra Fondazione Telethon, Ospedale San Raffaele e la biotech americana Editas Medicine
Editas Medicine, Inc. (NASDAQ: EDIT), azienda leader nel campo dell’editing genomico, annuncia l’avvio di una collaborazione scientifica con Fondazione Telethon e Ospedale San Raffaele, che vedrà coinvolto l’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica (SR-Tiget) di Milano. Obiettivo del ...
immagine-anteprima-news
Il modello di ricerca Telethon: una eccellenza da replicare
Un modello di finanziamento alla ricerca che sia di esempio per il paese, è questo il messaggio alle istituzioni lanciato dalla Fondazione Telethon in occasione dell’evento “Come ricerca e innovazione possono diventare un volano per l’economia del Paese” che si è svolto presso l’Istituto Teletho...
immagine-anteprima-news
“Io viaggio solidale”: Generali Italia per Fondazione Telethon
Si è svolta a Milano alla Biblioteca Ambrosiana la premiazione dell’iniziativa di CSR di Generali Italia “Io Viaggio solidale”: 1.300 dipendenti di Generali in Italia hanno scelto di viaggiare per lavoro in seconda classe, invece che in prima come previsto dalla policy aziendale, destinando la d...

Dona ora

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter