Tremore essenziale familiare

Cos'è e come si manifesta il tremore essenziale familiare?

Il tremore essenziale familiare è una forma di tremore essenziale, che a sua volta costituisce la più comune malattia del movimento. Il sintomo più costante è il tremore involontario e ritmico delle mani e delle braccia, anche se può interessare ogni parte del corpo. Il tremore si manifesta soprattutto nella fase di mantenimento della postura e durante l'azione e in alcuni pazienti è associato a un lieve disturbo dell'andatura. L'età d'esordio è ampiamente variabile, ma nella maggior parte dei casi le prime manifestazioni avvengono attorno alla seconda o alla sesta decade di vita.

Come si trasmette il tremore essenziale familiare?

Le cause del tremore essenziale non sono note; in circa l'80% dei pazienti è presente una familiarità, che suggerisce una meccanismo ereditario. Tuttavia, non sono ancora stati identificati geni responsabili della malattia.

Come avviene la diagnosi del tremore essenziale familiare?

La diagnosi è essenzialmente clinica e procede per esclusione, eliminando via via altre cause patologiche che potrebbero causare tremori. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per il tremore essenziale familiare?

Si può intervenire a diversi livelli. Alcuni cambiamenti nello stile di vita – per esempio limitare le situazioni stressanti ed evitare stimolanti come la caffeina – possono ridurre i tremori, mentre la terapia fisica o occupazionale aiuta i pazienti a superare le difficoltà imposte dal loro disturbo. È possibile anche l'intervento farmacologico, con farmaci beta-bloccanti, anticonvulsivanti o tranquillanti. Alcuni pazienti traggono beneficio dall'iniezione della tossina botulinica e dalla stimolazione cerebrale profonda.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter