Sindrome linfoproliferativa autoimmune

Cos'è e come si manifesta la sindrome linfoproliferativa autoimmune?

La sindrome linfoproliferativa autoimmune è una rara malattia genetica in cui il sistema immunitario del paziente si rivolge contro alcune cellule del suo stesso organismo, in particolare piastrine e globuli rossi. I bambini colpiti (la malattia si manifesta già durante l'infanzia) mostrano tendenza al sanguinamento di naso e gengive, anemia (che comporta affaticamento e pallore), aumento della suscettibilità alle infezioni. Sono spesso presenti rigonfiamenti dei linfonodi (“ghiandole”) di collo e ascelle e ingrossamento di fegato e milza. Occasionalmente può verificarsi infiammazione del fegato o dei reni.

Come si trasmette la sindrome linfoproliferativa autoimmune?

È stato finora identificato un unico gene coinvolto – quando mutato – con l'insorgenza della malattia, ma ne esistono probabilmente altri. Si tratta del gene FAS, codificante per una proteina coinvolta nel processo di morte cellulare programmata (apoptosi). La malattia si trasmette in maniera autosomica dominante a penetranza incompleta. Si manifesta cioè in individui che abbiano ereditato anche una sola copia del gene mutato da uno solo dei genitori, ma non sempre la presenza di questa copia mutata causa la comparsa dei sintomi.

Come avviene la diagnosi della sindrome linfoproliferativa autoimmune?

La diagnosi, suggerita dalle manifestazioni cliniche, avviene sulla base di test di laboratorio. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome linfoproliferativa autoimmune?

Non esiste un trattamento specifico, ma è possibile prevenire la maggior parte delle complicazioni della malattia, per esempio con la somministrazione di steroidi, con vaccinazioni e con trasfusioni di sangue. 

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla sindrome linfoproliferativa autoimmune

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter