Sindrome da esfoliazione cutanea

Cos'è e come si manifesta la sindrome da esfoliazione cutanea?

La sindrome da esfoliazione cutanea è una rarissima malattia genetica che si manifesta con l'esfoliazione degli strati più esterni della pelle. Può essere accompagnata da ispessimento della pelle del palmo delle mani e della pianta dei piedi e dalla comparsa di eritema o di vescicole. Può manifestarsi alla nascita oppure in età adulta. Se ne distinguono due tipi: uno non infiammatorio (tipo A) e uno accompagnato da infiammazione (tipo B). 

Come si trasmette la sindrome da esfoliazione cutanea?

La malattia si trasmette con modalità autosomica recessiva: entrambi i genitori sono portatori sani di un'alterazione genetica associata alla sindrome da esfoliazione cutanea e hanno il 25% di probabilità di trasmettere la malattia a ciascuno dei propri figli. La malattia è geneticamente eterogenea, cioè non tutti i pazienti affetti hanno lo stesso gene mutato. In una particolare forma della malattia (forma acrale), le mutazioni riguardano il gene che codifica per la transglutaminasi 5 (TGM5), un enzima coinvolto nella formazione di legami tra varie proteine della pelle.

Come avviene la diagnosi della sindrome da esfoliazione cutanea?

La diagnosi viene formulata in base all'osservazione clinica da parte di uno specialista dermatologo ed è confermata attraverso una biopsia cutanea.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome da esfoliazione cutanea?

Non esiste al momento una cura risolutiva. Si sono ottenuti alcuni benefici nel trattamento topico delle lesioni col calcipotriolo, un farmaco utilizzato nella terapia della psoriasi. 

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter