Sindrome di Olmsted

Che cos’è e come si manifesta la sindrome di Olmsted?

La sindrome di Olmsted è una malattia genetica della pelle che si manifesta nella prima infanzia con un significativo inspessimento della pelle (placche cheratotiche) dei palmi delle mani e della pianta dei piedi, che nei casi più gravi può portare alla perdita delle falangi. Altre aree del corpo che possono essere interessate sono i gomiti, le ginocchia e le aree intorno a occhi, orecchie, naso, bocca e genitali. La maggior parte dei pazienti presenta anche anomalie dei capelli. Con il tempo le placche diventano sempre più estese e diffuse e possono favorire l’insorgenza di infezioni batteriche e fungine; inoltre, il dolore e il prurito associati alle placche possono compromettere attività quotidiane come camminare, afferrare oggetti, scrivere. Il tipo e l’intensità dei sintomi variano notevolmente da un paziente all’altro, anche se non è ancora chiara una relazione diretta fra il tipo di mutazione e i sintomi manifestati. Sono possibili anche sintomi più rari, come l’insorgenza improvvisa e transiente di crisi di dolore intenso, eritema, prurito severo, sensazioni di bruciore (eritromelalgia).

Come si trasmette la sindrome di Olmsted?

La sindrome è associata a difetti nel gene che codifica per la proteina TRPV3, che è responsabile del flusso di calcio sia nei cheratinociti della pelle sia nei neuroni che la innervano. La trasmissione è autosomica dominante o recessiva. Sono presenti sia casi sporadici (malattia insorta de novo) che familiari (ereditata dai genitori).

Come avviene la diagnosi della sindrome di Olmsted?

La variabilità dei sintomi rende difficile la diagnosi. La presenza di placche cheratotiche intorno agli orifizi è la caratteristica che consente di escludere altre forme di cheratoderma palmoplantare.Nei casi in cui non tutti i sintomi si manifestino chiaramente si arriva alla diagnosi certa ricorrendo al sequenziamento del gene TRPV3.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Olmsted?

I trattamenti attualmente disponibili non sono specifici e offrono un sollievo solo parziale e temporaneo: consistono sostanzialmente nella somministrazione locale di corticosteroidi oppure nella rimozione chirurgica ripetuta delle placche.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter