Sclerodermia

Cos'è e come si manifesta la sclerodermia?

La sclerodermia è una malattia autoimmune, caratterizzata da una deposizione eccessiva di fibre di collagene, le componenti fondamentali del tessuto connettivo. Nelle malattie autoimmuni, le difese immunitarie dell'organismo attaccano le proprie cellule e i propri tessuti. In questo caso, la reazione autoimmune porta a un'infiammazione del tessuto connettivo, che reagisce producendo una quantità eccessiva di collagene. Sono più colpite le donne, di solito intorno ai 40-50 anni di età, e le manifestazioni cliniche sono estremamente variabili. In particolare, si distinguono una forma localizzata della malattia, un cui è colpita solo la pelle, che si presenta notevolmente indurita, e una forma sistemica, che interessa anche altri organi (cuore, polmoni, reni, apparato digerente, articolazioni), causando disfunzioni anche molto severe. Tra i sintomi più comuni della sclerodermia c'è il fenomeno di Raynaud, un disturbo della circolazione delle mani.

Come si trasmette la sclerodermia?

Le cause precise della malattia non sono note. L'esposizione a particolari sostanze chimiche o a gravi choc emotivi potrebbe rappresentare una causa scatenante. Si pensa inoltre che alcuni geni possano predisporre alla sua insorgenza.

Come avviene la diagnosi della sclerodermia?

La diagnosi può essere lunga e complessa, perché i primi sintomi della malattia (per esempio il fenomeno di Raynaud o il reflusso gastro-esofageo) sono molto generici. In caso di sospetto – facilitato se sono presenti lesioni della pelle – la diagnosi può essere confermata da alcuni esami specifici, come la capillaroscopia o la biopsia cutanea. Gli esami del sangue possono rilevare la presenza di auto-anticorpi.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sclerodermia?

Non esiste un trattamento risolutivo, ma è possibile intervenire con farmaci corticosteroidi o immunosoppressori per limitare l'infiammazione. Sono inoltre possibili interventi sintomatici, sulla pelle o sugli altri organi coinvolti.

Orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla sclerodermia

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter