Notalgia parestetica

Cos'è e come si manifesta la notalgia parestetica?

La notalgia parestetica è una neuropatia sensoriale caratterizzata da una sensazione di prurito localizzata sulla schiena, in genere nella regione tra le scapole. Il prurito può accompagnarsi ad altri sintomi, quali sensazione di bruciore, iperalgesia (risposta dolorosa eccessiva a stimoli lievi), disestesia (sensazione di fastidio o di dolore). L'area interessata può presentare inoltre anomalie della pigmentazione (in genere iperpigmentazione). Si tratta di una malattia cronica, caratterizzata dall'alternanza di periodi di esacerbazione e di remissione.

Come si trasmette la notalgia parestetica?

Le cause della notalgia parestetica non sono anora state identificate con certezza. Sono probabilmente coinvolti fenomeni degenerativi a carico dei nervi spinali.

Come avviene la diagnosi della notalgia parestetica?

La diagnosi è essenzialmente clinica. In alcuni casi, test di laboratorio e indagini strumentali (radiografie o risonanza magnetica) possono essere utili per seguire eventuali degenerazioni dei nervi spinali. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili della notalgia parestetica?

Non esiste una terapia risolutiva. Trattamenti farmacologici locali sono in genere inefficaci. In alcuni casi associati a evidente coinvolgimento dei nervi spinali possono essere d'aiuto interventi di tipo chirurgico.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter