Malattia di Creutzfeldt-Jacob

Che cos’è e come si manifesta la malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD)?

La malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) è una rara malattia neurodegenerativa appartenente al gruppo delle encefalopatie spongiformi, così chiamate proprio perché le lesioni conferiscono al cervello l’aspetto di una spugna. Le lesioni sono la conseguenza dell’accumulo di una variante anomala di una proteina cellulare, detta prionica, che con il tempo porta alla morte le cellule nervose. Dopo un lungo periodo di incubazione del tutto asintomatico, la malattia si presenta con decadimento cognitivo rapidamente progressivo, accompagnato da alterazioni del tono muscolare e della coordinazione motoria, che evolve verso uno stato di coma. La malattia porta a morte entro pochi mesi dall’esordio, che in genere è dopo i 50 anni.

Come si trasmette la malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD)?

La malattia dipende dall’alterazione della struttura di una particolare proteina, chiamata proteina prionica, le cui funzioni normali sono ancora poco chiare e che è coinvolta anche in altri due tipi di encefalopatie spongiformi: l’insonnia fatale familiare e la sindrome di Gerstmann-Sträussler-Scheinker. Nella maggior parte (85%) dei casi di CJD la malattia è sporadica. Nel restanti casi l’origine è genetica o raramente iatrogena, indotta cioè da trattamenti medici (iniezioni di ormone della crescita e trapianto di dura madre provenienti da individui affetti). Le forme genetiche sono dovute a specifici difetti nel gene per la proteina prionica. A partire dalla metà degli anni Novanta, sono stati registrati anche rarissimi casi della malattia legati al consumo di carne bovina infetta. Questa variante della CJD, denominata vCJD, è distinguibile dalla forma “classica” per alcune caratteristiche cliniche ed età di insorgenza più precoce.

Come avviene la diagnosi della malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD)?

La diagnosi viene formulata tenendo conto degli aspetti clinici, neurofisiologici (elettroencefalogramma), neuroradiologici (risonanza magnetica) e di alcuni marcatori presenti nel liquido cefalorachidiano. Nelle forme di origine genetica la diagnosi clinica viene confermata dall’analisi molecolare. La presenza di particolari lesioni neuropatologiche e le analisi biochimiche della proteina prionica nel tessuto linfoide (ad esempio le tonsille) consentono di identificare i casi di vCJD.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD)?

Non esiste attualmente una terapia risolutiva.

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD)

Aggiornato il 14 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...
immagine-anteprima-news
Il cuore di Alessandro Florenzi per la Fondazione Telethon batte anche nella NASCAR europea. La stella della Roma e il pilota capitolino Simone Laureti, porteranno la ricerca nel mondo delle corse americane. La grande amicizia che lega il pilastro della nazionale Alessandro Florenzi e il pilota N...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter