Sindrome di Lesch-Nyhan

Che cos'è e come si manifesta la sindrome di Lesch-Nyhan?

La sindrome di Lesch-Nyhan è un difetto congenito del metabolismo delle purine, costituenti fondamentali del Dna e dell'Rna. È causata dall’insufficienza di un enzima chiamato ipoxantina-guanina fosforibosiltransferasi (HPRT), che normalmente consente di sottrarre le basi puriniche dalla degradazione ad acido urico (il prodotto finale della via metabolica), recuperandole così per altri utilizzi. Caratteristica della malattia è la sovrapproduzione di acido urico che si manifesta subito dopo la nascita e che può causare gotta e calcoli renali. I bambini che presentano le forme più gravi del difetto enzimatico sono anche colpiti da menomazioni motorie e da disturbi del comportamento che si manifestano con morsi alle mani, dita, labbra e lingua.

Come si trasmette la sindrome di Lesch-Nyhan?

L’insufficienza di HPRT è una rara malattia recessiva causata da mutazioni inattivanti del gene HPRT1 situato sul cromosoma X. Di conseguenza, la malattia è tipicamente trasmessa a figli di sesso maschile da madri portatrici sane.

Come avviene la diagnosi della sindrome di Lesch-Nyhan?

L’acido urico prodotto in eccesso per il difetto metabolico è una molecola scarsamente solubile che tende a formare cristalli nei reni e nelle articolazioni. Spesso la prima osservazione della malattia da parte dei genitori è la presenza di una sostanza riferita come “sabbia” nel pannolino del neonato. Dopo i primi mesi di vita cominciano anche ad apparire le manifestazioni motorie e comportamentali (automutilazioni) tipiche della sindrome. La misura della concentrazione di acido urico nel sangue (uricemia) e dell’attività dell’enzima HPRT forniscono una diagnosi sicura della malattia di Lesch-Nhyan. In presenza di soggetti affetti dalla malattia nella stessa famiglia, è consigliato un test genetico di mutazioni HPRT1 prima della nascita.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Lesch-Nyhan?

La somministrazione di farmaci che bloccano la formazione di acido urico è efficace per ridurre la concentrazione ematica di questa sostanza e il rischio di gotta e danni renali. Il trattamento è però inefficace per le altre manifestazioni della malattia, per le quali esistono cure palliative. Le menomazioni motorie sono affrontate con l’uso di sedia a rotelle e altri dispositivi di supporto, e il disagio associato all’aumento del tono muscolare può essere alleviato con miorilassanti. I problemi connessi al comportamento autolesivo del malato sono gestiti con la terapia comportamentale, che può essere integrata da farmaci, se necessario. Il comportamento autolesivo è uno degli aspetti della malattia di più difficile soluzione. Per limitare l’autoinfliggersi di colpi con le mani e i morsi alle dita sono imposte restrizioni che impediscono alle mani di raggiungere altre parti del corpo. Il paziente è pienamente sensibile al dolore provocato dalle automutilazioni e accetta di buon grado i dispositivi restrittivi. Tuttavia, l’autoinfliggersi di morsi alla lingua e alle labbra non può essere facilmente trattenuto. Quando terapie comportamentali e farmaci falliscono, si rende necessaria l'estrazione dentale.

Aggiornato il 31 luglio 2013

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter