Ipobetalipoproteinemia familiare

Cos'è e come si manifesta l’ipobetalipoproteinemia familiare?

L’ipobetalipoproteinemia familiare (FHBL) è una malattia genetica caratterizzata da bassi o bassissimi livelli di colesterolo e della proteina ApoB nel sangue. Può presentarsi in due forme: nella forma eterozigote, i soggetti colpiti in genere non mostrano particolari disturbi a eccezione, in alcuni casi, di steatosi epatica (accumulo di grasso nel fegato); si ritiene inoltre che essi mostrino un rischio ridotto di sviluppare malattie cardiovascolari, come infarto o ictus. Nella forma omozigote, invece, i soggetti affetti possono essere asintomatici oppure presentare caratteristiche di gravità variabile, tra cui malassorbimento dei grassi, retinite pigmentosa, atassia (perdita di coordinamento muscolare), neuropatia e acantocitosi (anomalie della forma dei globuli rossi).

Come si trasmette l’ipobetalipoproteinemia familiare?

La maggior parte dei casi di FHBL è causata da mutazioni nel gene codificante per la proteina ApoB. La trasmissione è di tipo codominante: se un individuo eredita da uno dei genitori una sola copia del gene mutato, manifesta la forma eterozigote; se invece eredita entrambe le copie mutate (una da ciascun genitore) manifesta la forma omozigote. È possibile che siano coinvolti anche altri geni.

Come avviene la diagnosi dell’ipobetalipoproteinemia familiare?

La diagnosi si basa su esami di laboratorio e sull'analisi genetica, con ricerca di mutazioni nel gene coinvolto. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per l’ipobetalipoproteinemia familiare?

L'unico intervento consigliato è l'assunzione di integratori di vitamina E, utile per prevenire complicazioni neurologiche nella forma omozigote. È inoltre consigliata una dieta povera di acidi grassi a catena lunga.

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sull'ipobetalipoproteinemia familiare

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter