Disturbi congeniti della glicosilazione

Che cosa sono e come si manifestano i disturbi congeniti della glicosilazione?

I disturbi congeniti della glicosilazione sono un gruppo di malattie genetiche dovute a difetti nella glicosilazione, un processo cellulare che consiste nell’aggiunta di zuccheri a specifiche proteine. La glicosilazione prevede una serie complessa di reazioni e coinvolge numerosi enzimi, uno per ogni specifico passaggio: è sufficiente che un unico enzima sia carente o funzioni male perché ne risenta il funzionamento di tutte quelle proteine per le quali la componente zuccherina è importante. Poiché la glicosilazione ha effetto su numerose proteine che svolgono le più diverse funzioni in una cellula, i disordini della glicosilazione si manifestano con svariati sintomi e compromettono molti organi. Nel 70 per cento dei casi descritti l’enzima difettoso è la fosfomannomutasi 2 (PMM2) e la specifica patologia è definita PMM2-CDG, nota in precedenza come sindrome di Jaeken o CDG-Ia. Il disturbo della glicosilazione di tipo 2E (CDG IIe) è invece caratterizzato da alterazioni della morfologia dello scheletro, riduzione di tono degli organi, insufficienza cardiaca e aumento di volume del fegato e della milza. I problemi neurologici legati alla sindrome CDG IIe comprendono riduzione del volume del cranio, convulsioni e atrofia di alcune parti del cervello. Il ritardo psicomotorio è il segno più frequente della malattia, a cui possono essere associati anomalie scheletriche e lipocutanee (aspetto a buccia d’arancia), atrofia olivo-ponto-cerebellare, capezzoli retratti, fibrosi epatica.

 

Come si trasmettono i disturbi congeniti della glicosilazione?

Questo gruppo di malattie si trasmettono con modalità autosomica recessiva: questo significa che per manifestare la malattia occorre ereditare una copia mutata del gene da ciascuno dei genitori, entrambi portatori sani. Maschi o femmine sono colpiti indistintamente. La PMM2-CDG è rara, ma il numero dei portatori, per lo meno nei paesi del Nord Europa dove sono stati effettuati screening estesi, è relativamente elevato. La sindrome CDG IIe è invece causata da mutazioni nel gene COG7, localizzato sul cromosoma 16. La malattia si trasmette con modalità autosomica recessiva, cioè si manifesta in individui che ereditano una copia della mutazione da ciascuno dei due genitori, entrambi portatori sani. La malattia colpisce maschi e femmine con la stessa frequenza.

Come avviene la diagnosi dei disturbi congeniti della glicosilazione?

L’indagine di laboratorio più comunemente usata per diagnosticare un difetto della glicosilazione consiste nell’analisi elettroforetica della transferrina sierica, che tuttavia non è specifica, perché non consente una diagnosi differenziale da patologie di natura diversa quali la galattosemia e fruttosemia, né di distinguere il tipo specifico di CDG. Per questo motivo, una volta che l’analisi della transferrina ha indirizzato il clinico verso una diagnosi di CDG, è necessario caratterizzare geneticamente il particolare difetto molecolare. La diagnosi prenatale è possibile una volta confermata la diagnosi del caso indice.

Quali sono i trattamenti attualmente disponibili per i disturbi congeniti della glicosilazione?

Per alcune forme di CDG ci sono trattamenti specifici, ma sfortunatamente non per la PMM2-CDG, la forma più comune, nè per la forma IIe. I trattamenti attuali tendono solo ad alleviare i sintomi.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter