Fibrosi epatica congenita

Cos'è e come si manifesta la fibrosi epatica congenita?

La fibrosi epatica congenita è una malattia genetica che colpisce le cellule che rivestono i dotti biliari posti all'interno del fegato. I dotti assumono una conformazione anomala (microamartomi) e risultano come “rivestiti” da un'eccessiva deposizione di tessuto fibroso, che può comportare l'insorgenza di ipertensione portale, una condizione clinica grave che porta alla formazione di varici nello stomaco e nell’esofago. I pazienti colpiti presentano inoltre un aumentato rischio di sviluppare il tumore maligno dei dotti biliari (colangiocarcinoma).

Come si trasmette la fibrosi epatica congenita?

La fibrosi epatica congenita è causata da mutazioni nel gene codificante per la fibrocistina, proteina coinvolta nelle interazioni tra le cellule e la matrice extracellulare circostante. Si trasmette con modalità autosomica recessiva: i genitori sono portatori sani della mutazione, mentre ciascun figlio della coppia ha il 25% di probabilità di essere malato. 

Come avviene la diagnosi della fibrosi epatica congenita?

Il sospetto diagnostico viene in genere avanzato sulla base di alcuni risultati anomali in test di laboratorio (esami del sangue). La conferma è ottenuta con indagini radiologiche, in particolare la colangiorisonanza e, in alcuni casi, attraverso esame istopatologico di campioni prelevati con biopsia. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la fibrosi epatica congenita?

Può essere consigliata una terapia con acido ursodesossicolico, che fluidifica le secrezioni biliari e riduce la concentrazione di alcune sostanze tossiche che tendono ad accumularsi in caso di patologie biliari. la sua reale efficacia non è stata tuttavia definitivamente documentata. 

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter