Fibrosi epatica congenita

Cos'è e come si manifesta la fibrosi epatica congenita?

La fibrosi epatica congenita è una malattia genetica che colpisce le cellule che rivestono i dotti biliari posti all'interno del fegato. I dotti assumono una conformazione anomala (microamartomi) e risultano come “rivestiti” da un'eccessiva deposizione di tessuto fibroso, che può comportare l'insorgenza di ipertensione portale, una condizione clinica grave che porta alla formazione di varici nello stomaco e nell’esofago. I pazienti colpiti presentano inoltre un aumentato rischio di sviluppare il tumore maligno dei dotti biliari (colangiocarcinoma).

Come si trasmette la fibrosi epatica congenita?

La fibrosi epatica congenita è causata da mutazioni nel gene codificante per la fibrocistina, proteina coinvolta nelle interazioni tra le cellule e la matrice extracellulare circostante. Si trasmette con modalità autosomica recessiva: i genitori sono portatori sani della mutazione, mentre ciascun figlio della coppia ha il 25% di probabilità di essere malato. 

Come avviene la diagnosi della fibrosi epatica congenita?

Il sospetto diagnostico viene in genere avanzato sulla base di alcuni risultati anomali in test di laboratorio (esami del sangue). La conferma è ottenuta con indagini radiologiche, in particolare la colangiorisonanza e, in alcuni casi, attraverso esame istopatologico di campioni prelevati con biopsia. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la fibrosi epatica congenita?

Può essere consigliata una terapia con acido ursodesossicolico, che fluidifica le secrezioni biliari e riduce la concentrazione di alcune sostanze tossiche che tendono ad accumularsi in caso di patologie biliari. la sua reale efficacia non è stata tuttavia definitivamente documentata. 

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter