Fibrosi cistica

Ad oggi Fondazione Telethon ha finanziato 26 progetti di ricerca sulla fibrosi cistica che hanno coinvolto 26 diversi gruppi di ricerca, per un finanziamento totale di 3,5 milioni di euro

Le malattie genetiche rare in pillole: guarda il video sulla fibrosi cistica

Cos'è e come si manifesta la fibrosi cistica?

La fibrosi cistica è la malattia genetica ereditaria più frequente tra le popolazioni di origine caucasica (Europa e Nord America), con un’incidenza in Italia di un neonato malato ogni 2500-3000 nati sani. La malattia esordisce in genere durante la prima infanzia: nelle persone colpite secrezioni come muco bronchiale o succo pancreatico sono più dense del normale, con effetti dannosi soprattutto a carico degli apparati respiratorio e digestivo. Questi pazienti vanno incontro a bronchiti o broncopolmoniti ricorrenti, provocate da particolari batteri che danno luogo a infezione e infiammazione cronica, con progressivo deterioramento della funzionalità respiratoria. Circa l’85 per cento dei malati presenta anche insufficienza pancreatica, che si traduce in diarrea con perdita di grassi, malnutrizione, difficoltà di crescita in peso e in altezza già dall’infanzia. Nel tempo il danno pancreatico può portare allo sviluppo di diabete e danni al fegato. Altra caratteristica comune è l’alto contenuto di sale nel sudore. I maschi, inoltre, sono quasi sempre sterili, a causa dell’ostruzione dei dotti deferenti, i condotti che portano lo sperma all’esterno. La prognosi della patologia non è buona: l’aspettativa di vita dipende dall’evoluzione delle complicanze polmonari, determinate da un insieme di fattori genetici e non, ma in media è di circa 40 anni. Oltre alla forma classica della patologia possono presentarsi anche forme “atipiche” dall’andamento più mite, in cui i sintomi si presentano in ritardo o comunque limitatamente ad alcuni organi.

Come si trasmette la fibrosi cistica?

La fibrosi cistica è dovuta ad alterazioni del gene CFTR, che codifica per una proteina coinvolta nella regolazione del flusso di acqua e ioni attraverso la membrana cellulare. La malattia si trasmette con modalità autosomica recessiva: per manifestarla bisogna ereditare un gene difettoso da ciascuno dei genitori, entrambi portatori sani (e che non manifestano alcuna sintomatologia). In Italia si stima che ci sia un portatore sano del gene della fibrosi cistica ogni 25-30 persone. A ogni gravidanza una coppia di portatori sani ha una probabilità su quattro di avere un figlio affetto da fibrosi cistica.

Come avviene la diagnosi della fibrosi cistica?

La diagnosi di fibrosi cistica si basa sull’esecuzione del test del sudore, che misura la concentrazione di sale nel sudore ed è confermata dall’identificazione di mutazioni nel gene CFTR. Oggi in Italia la diagnosi si basa su procedure di screening neonatale della malattia, piuttosto che in base ai sintomi. Le coppie di portatori sani possono eseguire la diagnosi prenatale, mediante il test genetico su un prelievo di villi coriali.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la fibrosi cistica?

Le cure per la fibrosi cistica vengono impostate e monitorate presso centri specializzati e, in base alla legge nazionale 548/1993, ogni Regione  dispone di un centro specializzato per la patologia. Le cure attualmente disponibili consistono principalmente nella rimozione delle secrezioni dai bronchi mediante fisioterapia, riabilitazione respiratoria e aerosol, nella somministrazione di antibiotici per il trattamento delle infezioni respiratorie e, in caso di insufficienza pancreatica, in una dieta integrata dalla somministrazione di vitamine ed enzimi pancreatici. In caso di malattia polmonare molto avanzata è possibile il trapianto di polmoni. Nel 2015 è stato approvato ivacaftor, il primo farmaco in grado di agire specificamente sul meccanismo della malattia migliorando la performance della proteina CFTR difettosa; il farmaco tuttavia è efficace soltanto per il 5% di tutte le mutazioni associate alla fibrosi cistica.

Le associazioni amiche di Telethon:
Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla fibrosi cistica

Aggiornato il 12 giugno 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Articolo tratto dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani Immaginate un’efficientissima équipe microchirurgica, così piccola da poter entrare nelle nostre cellule fino a raggiungere il Dna, proprio lì dove risiede un difetto genetico responsabile di una specifica malattia. Pensate poi alla po...
immagine-anteprima-news
Intervista tratta dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani «Abbiamo ottenuto dei risultati molto importanti grazie a una tecnica che potrebbe rappresentare il futuro della terapia genica». Ricercatore dell’Istituto San Raffaele-Telethon, premiato come giovane ricercatore emergente a fine 201...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter