Miopatia da disproporzione congenita, tipo fibra

Che cos’è e come si manifesta la miopatia da disproporzione congenita, tipo fibra?La miopatia da disproporzione congenita del tipo di fibra (CFTD) è una malattia genetica che colpisce principalmente i muscoli scheletrici, ovvero quelli coinvolti nel movimento. Questo tipo di muscoli sono composti da due tipi di fibre (1 e 2): nella maggior parte degli individui affetti si osserva una riduzione del diametro delle fibre di tipo 1 rispetto a quello di tipo 2 (da qui il nome della malattia). Il sintomo principale è la debolezza muscolare (miopatia) soprattutto a carico dei muscoli delle spalle e della parte superiore delle braccia, a cui si possono aggiungere contrattura delle articolazioni e anomalie della colonna come scoliosi o lordosi. In circa un terzo dei casi la malattia colpisce anche i muscoli del respiro: questo si traduce in problemi respiratori che costringono nelle situazioni più gravi all’utilizzo della ventilazione meccanica.La malattia si manifesta in modo molto variabile: in un quarto dei casi la debolezza muscolare è così grave da portare alla morte entro i primi anni di vita, negli altri la malattia ha una progressione lenta e si palesa solo in età adulta. Solo raramente l’indebolimento muscolare costringe all’impiego della sedia a rotelle.Come si trasmette la miopatia da disproporzione congenita, tipo fibra?La CFTD può dipendere da mutazioni in diversi geni, tutti codificanti per proteine coinvolte nella contrazione muscolare. I geni più frequentemente coinvolti, quando mutati, sono TPM3, RYR e ACTA1 (meno frequentemente sono riscontrate mutazioni nei geni TPM2, SEPN1 e MYH7) e la modalità di trasmissione varia a seconda del geneNel caso di ACTA1 la trasmissione è di tipo autosomico dominante (basta ereditare una sola copia del gene alterato per manifestare la malattia), mentre nel caso di RYR è di tipo autosomico recessivo (per manifestare la malattia occorre ereditare il difetto da ciascuno dei genitori, entrambi portatori sani). Quando invece la CFTD è dovuta a mutazioni di TPM3 può essere trasmessa in modo sia autosomico dominante che recessivo.Altri casi sono stati associati ad alterazioni di un gene sul cromosoma X non ancora identificato. Per i maschi, che hanno solo una copia del cromosoma X, basta una sola copia alterata del gene per essere malati. Nelle femmine, che hanno due copie del cromosoma X, una sola copia alterata del gene si traduce in una forma meno grave della malattia.Come avviene la diagnosi della miopatia da disproporzione congenita, tipo fibra?La diagnosi deriva dall’osservazione clinica del paziente e dall’esame istologico della biopsia muscolare, che permette di rilevare la tipica eterogeneità nelle dimensioni delle fibre muscolari. Il test genetico sui sei geni noti può essere considerato per confermare la diagnosi, tuttavia alcuni individui seppure affetti possono risultare negativi al test.Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la disproporzione congenita del tipo di fibra? Al momento non esiste una cura disponibile per la CFTD. Si raccomanda di affidarsi alle cure di un team multidisciplinare specializzato nel trattamento di disordini muscolari. Un regolare e leggero esercizio fisico, la fisioterapia o, in alcuni casi, la chirurgia possono contribuire ad alleviare la debolezza muscolare e le contratture delle articolazioni.I problemi respiratori possono migliorare grazie a esercizi di respirazione o al supporto ventilatorio. È inoltre fortemente suggerito un consulto ortopedico per la valutazione del grado di scoliosi.Consulta anche la scheda di Orphanet sulla miopatia da miopatia da disproporzione congenita, tipo fibraUltimo aggiornamento marzo 2017

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...
immagine-anteprima-news
Il cuore di Alessandro Florenzi per la Fondazione Telethon batte anche nella NASCAR europea. La stella della Roma e il pilota capitolino Simone Laureti, porteranno la ricerca nel mondo delle corse americane. La grande amicizia che lega il pilastro della nazionale Alessandro Florenzi e il pilota N...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter