Diabete giovanile con esordio nella maturità (MODY)

Che cos’è e come si manifesta il diabete giovanile con esordio nella maturità (MODY)?

Con questa espressione di indicano tutte quelle forme ereditarie di diabete dovute ad alterazioni in un singolo gene che portano a una difettosa secrezione dell’insulina, l’ormone pancreatico che consente al glucosio l’ingresso nelle cellule e il suo conseguente utilizzo come fonte energetica. A differenza delle più comuni forme di diabete (tipo 1 e 2), che dipendono da una serie di concause, questa è una malattia monogenica e rappresenta l’1-2% del totale dei casi. Tipicamente la malattia esordisce tra i 20 e i 50 anni in individui che hanno già una storia familiare significativa. In alcune forme i segni tipici come l’iperglicemia e l’aumento della sete e della tendenza a urinare sono evidenti, mentre in altri casi la malattia viene scoperta casualmente facendo altri controlli, per esempio nel corso di una gravidanza.

Come si trasmette il diabete giovanile con esordio nella maturità (MODY)?

La malattia si trasmette con una modalità autosomica dominante: questo significa che è sufficiente ereditare una copia del gene difettoso da uno dei genitori, a sua volta malato, per manifestare i sintomi. Ad oggi sono almeno dieci i geni che – se difettosi – possono essere alla base della patologia.

Come avviene la diagnosi del diabete giovanile con esordio nella maturità (MODY)?

La presenza di una storia familiare significativa e l’età di insorgenza sono i fattori discriminanti per sospettare un’origine genetica della malattia e spingere così alla ricerca delle specifiche mutazioni nel Dna del paziente. La diagnosi corretta è molto importante per stabilire la terapia più adeguata.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per il diabete giovanile con esordio nella maturità (MODY)?

Come per le più comuni forme di diabete, anche in questo caso il trattamento è rappresentato da una serie di interventi e comportamenti per tenere sotto controllo la glicemia ed evitare le complicanze a lungo termine: dieta adeguata, esercizio fisico, controllo regolare dei livelli di insulina, assunzione periodica dell’ormone o di farmaci ipoglicemizzanti (a seconda della forma).

Le associazioni amiche di Telethon:

Aggiornato il 1 marzo 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter