Deficit di acil-CoA deidrogenasi

Che cos’è e come si manifesta il deficit di acil-CoA deidrogenasi?

Il deficit di acil-CoA deidrogenasi è una rara condizione genetica che impedisce all'organismo di convertire alcuni particolari acidi grassi in energia quando necessario, specialmente durante i periodi di digiuno. Quando il deficit riguardagli acidi a catena corta le manifestazioni sono variabili: in alcuni casi la malattia è del tutto asintomatica; in altri si manifesta in età adulta con debolezza muscolare; in altri ancora i primi sintomi compaiono nell'infanzia. Si tratta in genere di vomito ricorrente, bassi livelli di zuccheri nel sangue (ipoglicemia), mancanza di energia, ritardo di accrescimento. Altri sintomi possibili sono: ipotonia (riduzione del tono muscolare), microcefalia (ridotte dimensioni della testa), attacchi convulsivi. I sintomi tendono ad aggravarsi durante il digiuno oppure in caso di malattie debilitanti, come le infezioni virali. Quando invece il deficit riguarda gli acidi a catena lunga, i primi segni della malattia compaiono durante l'infanzia e comprendono difficoltà nell'alimentazione, mancanza di energia, bassi livelli di zuccheri nel sangue (ipoglicemia), debolezza muscolare, disturbi del fegato, anomalie della retina. In seguito possono comparire anche dolori muscolari e anomalie del sistema nervoso periferico a carico di braccia e gambe. Gli individui affetti, inoltre, sono a rischio di sviluppare disturbi cardiaci e di andare incontro a morte improvvisa. I sintomi tendono ad aggravarsi durante il digiuno o in caso di malattie debilitanti, come le infezioni virali.

Come si trasmette il deficit di acil-CoA deidrogenasi?

Il deficit di acil-CoA a catena lunga è causato da mutazioni nel gene HADHA, mentre il deficit di acil-CoA a catena corta dipende da mutazioni nel gene ACADS. In entrambi i casi la malattia si trasmette con modalità autosomica recessiva: occorre ereditare due copie alterate del gene da entrambi i genitori (che sono portatori sani) per manifestare la malattia.

Come avviene la diagnosi del deficit di acil-CoA deidrogenasi?

In entrambi i casi la diagnosi viene formulata a partire dall'osservazione clinica. Nel caso del deficit di acil-CoA a catena lunga, è confermata con un esame specifico eseguito su una biopsia della pelle, mentre nel caso del deficit di acil-CoA a catena corta è confermata con particolari esami del sangue e, talvolta, può essere necessaria anche la biopsia muscolare. Nelle famiglie a rischio è possibile effettuare diagnosi prenatale mediante villocentesi o amniocentesi: si può effettuare sia l'analisi genetica (con ricerca di mutazioni nei geni coinvolti), sia un test sulle cellule fetali analogo a quello eseguito dopo la nascita sulla biopsia cutanea (deficit a catena lunga), sia il test enzimatico (deficit a catena corta).

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per il deficit di acil-CoA deidrogenasi?

L'intervento principale si basa sulla dieta: si devono evitare i cibi contenenti, rispettivamente, acidi grassi a catena lunga o corta e, in generale, preferire cibi a basso tenore di grassi ed elevato contenuto di carboidrati. Inoltre, è importante non restare mai troppo tempo senza cibo. Talvolta è opportuno ricorrere a periodi di nutrizione artificiale per via intravenosa. In alcuni casi può essere d'aiuto, sempre sotto la supervisione del medico, la supplementazione con carnitina.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter