Colestasi progressiva familiare intraepatica

Che cos’è e come si manifesta la colestasi progressiva intraepatica familiare?

La colestasi progressiva intraepatica familiare è una malattia genetica del fegato caratterizzata da una diminuzione del flusso di bile dal fegato all’intestino. Tra i costituenti principali della bile ci sono gli acidi biliari, prodotti dal fegato per sciogliere i grassi assunti con la dieta e rilasciati nell’intestino per permettere la digestione e l’assorbimento di questi nutrienti. Nei pazienti affetti da colestasi progressiva intraepatica familiare il flusso biliare dal fegato all’intestino è interrotto a causa di un difetto genetico: la bile rimane perciò nel fegato e lo intossica, compromettendone le funzioni al punto da rendere necessario il trapianto d’organo. Caratteristiche frequenti sono l’ittero e il prurito; spesso il decorso della malattia può essere complicato anche dall’insorgenza molto precoce di cancro al fegato o da danni ad altri organi, tra cui i reni. 

Come si trasmette la colestasi progressiva intraepatica familiare?

Esistono tre forme di colestasi progressiva intraepatica familiare: quella di tipo 1 è dovuta a difetti nel gene ATP8B1, quella di tipo 2 a mutazioni del gene ABCB11 e quella di tipo 3 a mutazioni del gene ABCB4 (chiamato anche MDR3). Tutte e tre le forme si trasmettono con modalità autosomica recessiva: se in una coppia entrambi i genitori sono portatori sani di una mutazione, a ogni gravidanza si ha un rischio del 25% di generare figli affetti, il 50% di possibilità di avere figli portatori sani e il 25% di avere figli sani non portatori.

Come avviene la diagnosi della colestasi progressiva intraepatica familiare?

La diagnosi si basa sulle manifestazioni cliniche, su dati funzionali epatici bioumorali, su esami strumentali (ecografia epatica, colangiografia), su analisi istologica. Può essere confermata attraverso l’analisi genetica, con ricerca di mutazioni nei geni coinvolti. È possibile la diagnosi prenatale.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la colestasi progressiva intraepatica familiare?

La maggior parte dei pazienti con colestasi progressiva intraepatica familiare è candidata al trapianto di fegato. Si può tuttavia cercare di rallentare il danno epatico con la somministrazione di acido ursodesossicolico o con altre terapie farmacologiche, mentre in alcuni pazienti la diversione biliare può alleviare il prurito.

Aggiornato il 19 giugno 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Quella di Francesca e dei suoi genitori Carmela e Antonio è la storia di chi non si è arreso di fronte ad una malattia metabolica rara non curata e da oltre trent’anni lotta ogni giorno per ottenere assistenza adeguata e cure valide per migliorare la vita di Francesca. Ora più che mai la lotta pe...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter