Cerebropatie vascolari amiloidogeniche

Che cosa sono e come si manifestano le cerebropatie vascolari amiloidogeniche?

Le cerebropatie vascolari amiloidogeniche sono un gruppo di malattie dei vasi sanguigni del cervello caratterizzate dal deposito di una proteina chiamata beta-amiloide. Questo accumulo porta a una graduale distruzione dei vasi sanguigni, a sua volta responsabile della comparsa di emorragie, che possono avere entità variabile. Sintomi tipici possono essere: mal di testa, debolezza, perdita transitoria della parola e indebolimento improvviso della vista, nausea, vomito. Spesso, le emorragie interferiscono con le capacità cognitive della persona colpita, che va incontro a demenza e a deficit motori. Nelle forme più gravi, che insorgono già intorno a 30-40 anni, la mortalità è molto elevata: il 50% dei pazienti muore in seguito al primo episodio di emorragia.

Come si trasmettono le cerebropatie vascolari amiloidogeniche?

Esistono sia forme sporadiche della malattia sia forme genetiche. Queste ultime sono dovute nella maggioranza dei casi a mutazioni del gene codificante per la proteina beta-amiloide, localizzato sul cromosoma 21, e in alcuni casi a mutazioni in geni codificanti per altre proteine che interagiscono con la beta-amiloide. La modalità di trasmissione è autosomica dominante: un genitore con la mutazione ha il 50% di probabilità di trasmettere la malattia a ciascuno dei propri figli

Come avviene la diagnosi delle cerebropatie vascolari amiloidogeniche?

La diagnosi è effettuata a partire dall’osservazione clinica ed eventualmente dalla storia familiare. Possono essere d’aiuto anche indagini strumentali, come la risonanza magnetica.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per le cerebropatie vascolari amiloidogeniche?

Non esistono terapie specifiche. Può essere utile la prevenzione dei fattori di rischio cardiovascolare (ipertensione, diabete, fumo, ecc).

Alessandro sorride al mondo

Ad oggi si conoscono diverse di migliaia di malattie genetiche, per un 70% pediatriche e per la maggior parte di queste non esiste una terapia risolutiva. La rarità di queste patologie fa sì che esse siano trascurate dai princiapli investimenti pubblici e privati. Telethon esiste proprio per far sì che nessuno sia escluso dalla concreta speranza di una cura.

Approfondisci

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter