Atassia a insorgenza precoce con aprassia oculomotoria e ipoalbuminemia

Cos'è e come si manifesta l’atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1?

L’atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1 è una malattia neurologica cosiddetta pura rispetto ad altre forme di atassia neurodegenerativa, in quanto non coinvolge altri sistemi oltre al sistema nervoso. La patologia è caratterizzata da atrofia del cervelletto e si manifesta già durante l'infanzia con atassia (perdita di coordinazione dei movimenti), corea (presenza di movimenti involontari), aprassia oculomotoria (incapacità di muovere gli occhi nel modo desiderato), lesioni dei nervi periferici (neuropatia assonale), lieve ritardo mentale. Dopo i 18 anni possono comparire livelli elevati di colesterolo nel sangue. Le cellule dei pazienti affette da AOA1 presentano un difetto nel meccanismo di riparazione delle rotture a singolo filamento del Dna. In Italia sono stati identificati circa 30 pazienti affetti.

Come si trasmette l’atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1?

L’atassia con aprassia oculomotoria tipo 1 è una malattia genetica ereditaria trasmessa con modalità autosomica recessiva: bisogna ereditare una copia del gene alterato da ambedue i genitori portatori sani perché la patologia si manifesti. Il gene coinvolto è il gene APTX sul cromosoma 9, codificante per una proteina chiamata apratassina.

Come avviene la diagnosi dell’atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1?

La diagnosi parte dai sintomi clinici e richiede una diagnosi differenziale rispetto all’atassia telangiectasia. In questo senso sono d'aiuto alcuni semplici esami di laboratorio, visto che il 95% dei pazienti con atassia telangiectasia ha valori elevati di alfafetoproteina nel sangue, che è invece normale nei pazienti con AOA1. Questi ultimi, però, presentano ipoalbuminemia (ridotti livelli di albumina nel sangue). La diagnosi può essere perfezionata attraverso la determinazione del livello di apratassina nelle cellule dei pazienti e l'analisi molecolare del gene APTX, effettuate solo in centri specializzati.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per l’atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1?

Non esiste una terapia specifica. In alcuni pazienti si è rivelato efficace il trattamento con coenzima Q10, che va effettuato in centri specializzati.

Le associazioni amiche di Telethon:
Associazione Italiana Lotta alle Sindromi Atassiche

Orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sull'atassia con aprassia oculomotoria di tipo 1

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Articolo tratto dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani Immaginate un’efficientissima équipe microchirurgica, così piccola da poter entrare nelle nostre cellule fino a raggiungere il Dna, proprio lì dove risiede un difetto genetico responsabile di una specifica malattia. Pensate poi alla po...
immagine-anteprima-news
Intervista tratta dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani «Abbiamo ottenuto dei risultati molto importanti grazie a una tecnica che potrebbe rappresentare il futuro della terapia genica». Ricercatore dell’Istituto San Raffaele-Telethon, premiato come giovane ricercatore emergente a fine 201...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter