PIETRO CORTELLI

PIETRO CORTELLI

Nato nel 1954 a Bologna, Pietro Cortelli si è laureato in Medicina e chirurgia all'Università di Bologna, dove si è anche specializzato in Neurologia.

Dopo aver conseguito il dottorato in Scienze neurologiche all'Università di Verona, ha svolto il suo post-doc presso la St. Mary's Hospital Medical School e l'Institute of Neurology of the National Hospital for Nervous Disease di Londra, per poi rientrare in Italia come ricercatore dell'Università di Bologna.

Attualmente Pietro Cortelli è professore associato di Neurologia presso il dipartimento di Scienze biomediche e neuromotorie dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, dove coordina un gruppo di ricerca che si occupa di diverse malattie neurodegenerative, e in particolare le alterazioni del sistema nervoso vegetativo coinvolte nello sviluppo di malattie come Sla, encefalopatie da prioni, malattia di Parkinson, emicrania emiplegica familiare, leucodistrofia autosomica dominante.

 

Solo entrando in sintonia con i pazienti, in quella particolare lunghezza d'onda che si chiama "empatia", si riescono a scoprire a fondo le caratteristiche cliniche di una malattia rara. Ascoltare sempre i pazienti e fare le domande giuste al momento giusto sono le principali qualità necessarie a un ricercatore clinico che non possono prescindere da un forte legame di fiducia ed amicizia che inevitabilmente si stringe quando si combatte contro un nemico difficile come la malattia.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter