LUIGI NALDINI

LUIGI NALDINI

Nato a Torino nel 1959, Luigi Naldini si è laureato in Medicina e chirurgia all'Università di Torino.

Presso lo stesso ateneo e dopo un periodo di perfezionamento negli Usa, ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze citologiche e morfogenetiche.

Dopo una lunga esperienza negli Stati Uniti, presso il laboratorio di Genetica del Salk Institute for Biological Studies di La Jolla (California) e l'azienda biotech Cell Genesys di Foster City (California), è tornato definitivamente in Italia come direttore del Laboratorio di terapia genica dell'Istituto per la ricerca e cura del cancro di Candiolo (Torino). Successivamente si è trasferito all'Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica di Milano, che dirige dal 2008.

Luigi Naldini è inoltre direttore della Divisione di medicina rigenerativa e cellule staminali e membro del Comitato tecnico scientifico per la ricerca dell’Istituto San Raffaele, oltre che professore ordinario di Istologia e di Terapia genica e cellulare presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Da molti anni nella sua attività di ricerca si occupa di terapia genica: a lui si deve lo sviluppo dei primi vettori lentivirali ibridi derivati dal virus Hiv responsabile dell’Aids, di cui ha dimostrato l'utilizzo per il trasferimento genico in cellule non proliferanti come quelle nervose. Vettori lentivirali sono stati impiegati nella prima sperimentazione al mondo della terapia genica per una grave malattia genetica neurodegenerativa, la leucodistrofia metacromatica, avviata nel 2010 e tuttora in corso con risultati incoraggianti.

E’ membro eletto dell’Organizzazione Europea di Biologia Molecolare (EMBO) e, dal 2012, presidente dell’European Society of Gene and Cell Therapy (ESGCT), oltre che membro del Consiglio direttivo dell’Advisory Council e del Comitato scientifico “Viral Vectors” dell’American Society of Gene and Cell Therapy (ASGCT). Luigi Naldini fa inoltre parte dei comitati scientifici dell’International Society for Stem Cell Research (ISSCR) e dell’International Society for Cellular Therapy (ISCT). E’ membro della Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV), dell’American Association of Cancer Research (AACR) e del Collegio Italiano degli Istologi. Ha inoltre vinto il Premio Sapio per la Ricerca Italiana 2012.

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Strimvelis tra i vincitori del “Nobel” della farmaceutica: il Premio Galeno
Strimvelis, la prima terapia genica divenuta farmaco per l’ADA-SCID, ha ricevuto il prestigioso Premio Galeno Italia 2017, nella categoria “Farmaco orfano”. Presso il Palazzo dei Giureconsulti di Milano, si è tenuta la cerimonia finale di assegnazione di quello che ormai è definito il “Nobel” in...
immagine-anteprima-news
Dalla ricerca Telethon una prospettiva di cura per l'iperuricemia e la malattia di Lesch-Nyhan
Difetti del metabolismo, alla base di varie malattie, possono essere corretti attraverso la somministrazione di proteine con attività enzimatica in grado di rimpiazzare una funzione carente nell'organismo. Tutti i farmaci utilizzati per la “terapia enzimatica sostitutiva” nell'uomo sono basati s...
immagine-anteprima-news
Benvenuto ad Alberto Argentoni, nuovo presidente di AVIS Nazionale
Alberto Argentoni è il nuovo presidente di AVIS Nazionale. La scelta è avvenuta oggi a San Donato Milanese (Mi) durante la riunione di insediamento del nuovo Consiglio Nazionale per il quadriennio 2017-2021.Succede a Vincenzo Saturni, medico trasfusionista varesino che ha guidato l’Associazione d...
immagine-anteprima-news
Giornata mondiale FSHD: anche Fondazione Telethon al fianco dei pazienti con distrofia facio-scapolo-omerale
Il 20 giugno torna la Giornata mondiale dedicata alla FSHD (Distrofia Facio-Scapolo-Omerale), nata nel 2015 per sensibilizzare sulla Distrofia Facio-Scapolo-Omerale (FSHD) che rappresenta la forma di malattia ereditaria muscolare più diffusa e frequente dopo la Distrofia di Duchenne e la Distrof...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter