GIULIANA FERRARI

GIULIANA FERRARI

Nata a Milano nel 1961, Giuliana Ferrari si è laureata in Scienze biologiche all'Università di Milano.

Dopo un post-doc negli Usa, presso il Wistar Institute of Anatomy and Biology di Philadelphia, Giuliana Ferrari è rientrata in Italia per lavorare all'Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica di Milano, dove coordina un'unità di ricerca dedicata allo sviluppo di una strategia di terapia genica efficace per la cura della talassemia. Nel 2015 è stato avviato uno studio clinico per valutare la sicurezza e l'efficacia di questo approccio terapeutico in pazienti sia adulti sia pediatrici. 

Giuliana Ferrari ricopre inoltre il ruolo di professore associato di Biologia molecolare presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Per i suoi meriti scientifici nel campo della talassemia, nel 2018 ha ricevuto il Premio Rosa Camuna dalla Regione Lombardia, conferito ogni anno a persone che si siano particolarmente distinte nel contribuire allo sviluppo economico, sociale, culturale e sportivo della Regione. 

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Il prossimo 29 luglio, a Maschito, i volontari festeggeranno 10 anni consecutivi di coordinamento, coinvolgendo la popolazione, le imprese e le autorità locali in una emozionante serata. Durante l’evento saranno ripercorsi tutti i risultati raggiunti dalla ricerca Telethon in questi dieci anni. ...
immagine-anteprima-news
Responsabilità sociale d’impresa. Capita che in molti casi rimanga una formula inconsistente, a uso e consumo degli uffici stampa, mentre in altre circostanze, più fortunate, si sostanzia nella volontà dell’azienda di condividere con la collettività parte dei profitti ricavati. In questo novero ...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter