GIULIA D'AMATI

GIULIA D'AMATI

Nata nel 1963 a Roma, Giulia D'Amati si è laureata in Medicina e chirurgia presso Sapienza Università di Roma, dove si è anche specializzata in Anatomia patologica.

Dopo un periodo all'estero come post-doc, prima in Canada all'Università di Toronto, successivamente a Los Angeles all'Università della California, Giulia D'Amati è rientrata in Italia come vincitrice di un posto di ricercatore nel 1992.

Attualmente Giulia D'Amati è professore associato di Anatomia patologica presso il dipartimento di Scienze radiologiche, oncologiche e anatomo-patologiche di Sapienza Università di Roma e coordina un gruppo di ricerca interdipartimentale di 16 persone tra ricercatori, post-doc, dottorandi e borsisti, che coinvolge il dipartimento di Biologia e biotecnologie "Charles Darwin", l'Istituto di biologia e patologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche e l’Istituto Pasteur-Fondazione Cenci Bolognetti. L’obiettivo principale della sua attività di ricerca è la terapia molecolare delle malattie dovute a mutazioni del Dna mitocondriale.

 

L'aspetto del mio lavoro che mi dà maggiore soddisfazione è il lato umano, quello che va dal dialogo con i pazienti all'interazione con altri ricercatori, più esperti o più giovani, dai quali impari sempre qualcosa. Poter crescere dei giovani ricercatori sperando che un giorno possano sostituirti e che coltivino anche loro il "lato umano" della ricerca.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Quella di Francesca e dei suoi genitori Carmela e Antonio è la storia di chi non si è arreso di fronte ad una malattia metabolica rara non curata e da oltre trent’anni lotta ogni giorno per ottenere assistenza adeguata e cure valide per migliorare la vita di Francesca. Ora più che mai la lotta pe...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter