GIULIA D'AMATI

GIULIA D'AMATI

Nata nel 1963 a Roma, Giulia D'Amati si è laureata in Medicina e chirurgia presso Sapienza Università di Roma, dove si è anche specializzata in Anatomia patologica.

Dopo un periodo all'estero come post-doc, prima in Canada all'Università di Toronto, successivamente a Los Angeles all'Università della California, Giulia D'Amati è rientrata in Italia come vincitrice di un posto di ricercatore nel 1992.

Attualmente Giulia D'Amati è professore associato di Anatomia patologica presso il dipartimento di Scienze radiologiche, oncologiche e anatomo-patologiche di Sapienza Università di Roma e coordina un gruppo di ricerca interdipartimentale di 16 persone tra ricercatori, post-doc, dottorandi e borsisti, che coinvolge il dipartimento di Biologia e biotecnologie "Charles Darwin", l'Istituto di biologia e patologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche e l’Istituto Pasteur-Fondazione Cenci Bolognetti. L’obiettivo principale della sua attività di ricerca è la terapia molecolare delle malattie dovute a mutazioni del Dna mitocondriale.

 

L'aspetto del mio lavoro che mi dà maggiore soddisfazione è il lato umano, quello che va dal dialogo con i pazienti all'interazione con altri ricercatori, più esperti o più giovani, dai quali impari sempre qualcosa. Poter crescere dei giovani ricercatori sperando che un giorno possano sostituirti e che coltivino anche loro il "lato umano" della ricerca.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter