ANDREA ELENA DARDIS

ANDREA ELENA DARDIS

Nata nel 1967 a Buenos Aires (Argentina), Andrea Dardis si è laureata nel 1999 in Biochimica a Buenos Aires, dove ha conseguito anche il dottorato di ricerca in Biologia molecolare.

Dopo il post-doc all’Università della California a San Francisco (Usa), nel 2003 si è trasferita in Italia.

Attualmente è responsabile del laboratorio del Centro di coordinamento regionale per le malattie rare dell’Ospedale universitario Santa Maria della Misericordia di Udine. Dal 2003 Andrea Dardis studia i meccanismi molecolari delle malattie da accumulo lisosomiale, come la glicogenosi di tipo II, la malattia di Niemann-Pick e la malattia di Gaucher, per lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici.

L’aspetto più affascinante di fare il ricercatore è avere la possibilità di imparare continuamente. Ogni piccola scoperta porta con sé nuove domande. È un lavoro molto creativo. Tuttavia, è nel rapporto con gli altri che trovo maggiori soddisfazioni, nel lavorare insieme ad altri ricercatori, ai pazienti e alle loro famiglie.

ANDREA ELENA DARDIS Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter