ALESSIO CANTORE

ALESSIO CANTORE

Nato nel 1982 a Bologna, Alessio Cantore si è laureato in Biotecnologie all’Università di Bologna nel 2004; in seguito si è specializzato in Biotecnologie mediche molecolari e cellulari presso l’Università Vita Salute San Raffaele di Milano nel 2006.

Presso lo stesso ateneo, dopo un periodo di ricerca all’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica (SR-Tiget), ha conseguito nel 2013 il dottorato di ricerca in Biologia molecolare e cellulare, titolo co-conferito anche dall’Università britannica Open University. Attualmente è Project Leader presso l’SR-Tiget: la sua attività di ricerca è incentrata sul trasferimento di geni terapeutici al fegato attraverso la terapia genica con vettori lentivirali, derivati cioè dal virus Hiv. Negli anni si è dedicato principalmente al miglioramento di questi vettori, al fine di renderli sempre più efficaci e sicuri nel trasferimento di geni terapeutici, in diversi ambienti biologici e modelli sperimentali.
In particolare, Alessio Cantore sta studiando come applicare questa strategia terapeutica a una malattia ereditaria del sangue, l’emofilia, dovuta alla carenza di una proteina immessa dal fegato nel sangue e fondamentale per il processo della coagulazione. Obiettivo della sua linea di ricerca è fornire alle persone affette da questa malattia una versione funzionante del gene che in loro è difettoso attraverso un vettore capace di raggiungere il fegato. Questo approccio terapeutico è vicino alla sperimentazione clinica nell’uomo, ma è potenzialmente applicabile anche ad altre malattie genetiche che hanno origine nel fegato.

Ho scelto di fare il ricercatore perché la scienza mi affascina sin da bambino e in particolare l’ingegneria genetica, che ho approfondito come interesse a partire dai miei studi universitari, e perché credo che il progredire delle conoscenze in questo ambito si traduca in un miglioramento della medicina e in una prospettiva concreta di cura per tante malattie genetiche

Alessio Ricercatore SR-Tiget

Sostieni anche tu Telethon

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter