Sindrome di Pitt-Hopkins

Che cos’è e come si manifesta la sindrome di Pitt-Hopkins?La sindrome di Pitt-Hopkins (PTHS) è una malattia genetica rara che rientra nell’ambito più vasto di condizioni sindromiche con ritardo psicomotorio significativo ed epilessia. È caratterizzata da disabilità intellettiva grave con importante compromissione del linguaggio, ritardo delle tappe motorie, deficit neurologici aggiuntivi, quali crisi di iperventilazione o di apnea, difficoltà a coordinare i movimenti (atassia), difetti oculari che includono strabismo, miopia e astigmatismo, convulsioni e stipsi. Il carattere di questi bambini è spesso amabile e dolce.Come si trasmette la sindrome di Pitt-Hopkins?Il difetto genetico responsabile della malattia è stato identificato solo nel 2007, ed è carico di un gene localizzato sul cromosoma 18. Probabilmente la malattia è molto meno rara di quanto risulta al momento, perché difficile da diagnosticare. Mutazioni di questo gene si verificano in genere per la prima volta nei pazienti: per questo il rischio di ricorrenza familiare di questa condizione è decisamente basso.Come avviene la diagnosi della sindrome di Pitt-Hopkins?La diagnosi si basa sull’osservazione clinica e può essere confermata dall’analisi genetica. Tuttavia è complicata dal fatto che mutazioni in altri geni possono causare un quadro clinico simile e che ci sono probabilmente altri geni non ancora noti responsabili della sindrome. Per questo diversi pazienti rimangono senza diagnosi genetica, e rimane anche incerta la valutazione del rischio di ricorrenza familiare.Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Pitt-Hopkins?Allo stato attuale il quadro clinico è difficilmente reversibile, tuttavia grazie a una diagnosi precoce è possibile intervenire tempestivamente su alcuni dei sintomi, come per esempio l’epilessia.Le associazioni amiche di TelethonAssociazione Italiana Sindrome Di PITT-HOPKINS - Insieme di più - OnlusConsulta anche la scheda di Orphanet sulla sindrome di Pitt-Hopkins

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...