Effetto delle mutazioni del gene cias-1 sui meccanismi patogenetici delle sindromi periodiche autoinfiammatorie da difetto di criopirina (caps). ricerca di nuovi geni e di nuovi approcci terapeutici

  • 2 Anni 2009/2011
  • 302.600€ Totale Fondi
Le sindromi periodiche associate a difetto di Criopirina (CAPS) sono un insieme di malattie infiammatorie croniche o periodiche associate a mutazioni del gene della Criopirina. Tale proteina svolge un ruolo fondamentale nel controllo della secrezione di una potente citochina pro-infiammatoria, l'interleuchina 1. La malattia ha il suo esordio in età pediatrica e, nella sua variante più severa, è caratterizzata da uno stato infiammatorio cronico associato a febbre, eruzioni cutanee simil-orticarioidi, artrite, meningite cronica, sordità neurosensoriale e possibile ritardo intellettivo. Alcuni pazienti sviluppano una severa displasia scheletrica che può rappresentare la causa di una severa limitazione funzionale in questi soggetti. Recentemente, è stata segnalata l'efficacia del trattamento con l'antagonista recettoriale dell'interleuchina-1 (Anakinra) nel controllare le manifestazioni infiammatorie associate alla malattia. Tuttavia, alcune manifestazioni cliniche (come la sordità neurosensoriale e l'interessamento osseo) non rispondono a tale trattamento. Inoltre, alcuni pazienti dimostrano una progressiva tendenza alla resistenza al trattamento con Anakinra, che è costoso e indisponibile in molti Paesi. Questa ricerca integra le competenze di medici, genetisti e immunologi che si occupano da diversi anni di queste malattie. Lo scopo è: 1) approfondire le conoscenze patogenetiche relative alla malattia utilizzando un approccio multidisciplinare, 2) studiare in vitro l'effetto della mutazione del gene della Criopirina sulle alterazioni ossee presenti in questa malattia, 3) individuare nuovi geni possibilmente coinvolti in pazienti con caratteristiche cliniche e immunologiche del tutto compatibili con il fenotipo CAPS.

Il tuo browser non è più supportato da Microsoft, esegui l'upgrade a Microsoft Edge per visualizzare il sito.