Correlazione genotipo-fenotipo nella sindrome di williams beuren attraverso l’analisi dei cambiamenti del profilo di espressione per mezzo dei microarray

  • 2 Anni 2006/2008
  • 155.700€ Totale Fondi
La Sindrome di Williams-Beuren é una malattia dello sviluppo rara e non ereditaria. Le persone affette hanno ritardo mentale con numerosi apetti fisici caratteristici. Questi comprendono bassa statura, problemi cardiovascolari e renali. I soggetti Williams presentano un profilo cognitivo particolare caratterizzato da eccellenti capacità verbali e descrittive accanto a capacità visivo-spaziali molto deficitarie. Le basi molecolari della malattia sono una microdelezione di circa 1.5 Mb o più raramente un’inversione della regione cromosomica 7q11.23 che comprende circa 25 geni Ad oggi la correlazione genotipo-fenotipo, cioè determinare quale gene causa un determinato fenotipo, è stata fatta solo per il gene dell’elastina che provoca il restringimento dell’aorta con conseguente stenosi. Poco o nulla si sa circa il contributo degli altri geni ai diversi fenotipi. Diventa quindi prioritaria la conoscenza della funzione e del contributo specifico di ciascun gene nel determinismo della sindrome quale presupposto indispensabile per qualsiasi tentativo di intervento terapeutico. In questo studio noi proponiamo di valutare i cambiamenti dell’espressione genica globale in soggetti Williams usando due tecniche molto potenti e sensibili come i microarray e la PCR quantitativa. Questi due metodi permettono di misurare in maniera molto accurate la quantità di ciascun gene presente nella popolazione di studio. Questa strategia permetterà di definire il contributo di specifici geni alla sindrome, un requisito essenziale per qualsiasi intervento di tipo terapeutico.

Il tuo browser non è più supportato da Microsoft, esegui l'upgrade a Microsoft Edge per visualizzare il sito.