Sindrome da deficit primario di creatina

  • 2 Progetti di Ricerca Finanziati
  • 2 Ricercatori
  • 150.856€ Finanziamento totale

Cos'è e come si manifesta la sindrome da deficit primario di creatina?

Le sindromi da deficit primario di creatina comprendono tre diverse malattie ereditarie caratterizzate da carenza di creatina, una sostanza indispensabile per l’organismo, che si manifesta con sintomi principalmente di tipo neurologico. Le malattie si distinguono in base al difetto molecolare coinvolto: in due casi, il deficit di creatina è dovuto all'incapacità dell'organismo di sintetizzare la sostanza; nel terzo, il deficit è dovuto all'incapacità delle cellule di incorporarla, in seguito alla carenza della molecola deputata al suo trasporto. I sintomi si manifestano molto precocemente e comprendono: ritardo mentale (in particolare ritardo del linguaggio), comportamento di tipo autistico, disturbi del movimento di tipo extrapiramidale. In alcuni casi può anche esserci una grave forma di epilessia.

Come si trasmette la sindrome da deficit primario di creatina?

Le sindromi sono causate da mutazioni in uno di tre geni codificanti per proteine coinvolte nella sintesi e nel trasporto della creatina. Le forme causate da difetti di sintesi si trasmettono in modo autosomico recessivo (occorre ereditare due copie alterate del gene da entrambi i genitori per manifestarle); quella causata da carenza di trasportatore in modo recessivo legato all'X, per cui solo i maschi presentano i sintomi, mentre le femmine sono portatrici sane.

Come avviene la diagnosi della sindrome da deficit primario di creatina?

Il sospetto diagnostico viene posto in base a esami di laboratorio (dosaggio nel sangue e nelle urine della creatina e dei suoi metaboliti). La conferma viene data dalla spettroscopia in risonanza magnetica cerebrale che dimostra l’assenza di creatina. Infine, per distinguere tra le varie malattie occorre effettuare indagini genetiche e funzionali presso centri specializzati. Nel caso in cui una coppia abbia avuto un figlio affetto da una delle sindromi, nelle gravidanze successive è possibile effettuare la diagnosi prenatale.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome da deficit primario di creatina?

Nel caso della forma legata a difetti di sintesi i sintomi possono essere migliorati con la somministrazione di creatina esogena. Se la diagnosi viene effettuata molto precocemente (addirittura in epoca prenatale), la somministrazione tempestiva di creatina può prevenire l'insorgenza dei sintomi. La forma legata a carenza del trasportatore è invece incurabile.