Sindrome di Wolf-Hirschhorn

Cos'è e come si manifesta la sindrome di Wolf Hirschhorn?

La sindrome di Wolf Hirschhorn è causata da una piccola delezione cromosomica ed è caratterizzata da diverse manifestazioni cliniche: scarso accrescimento durante la gravidanza e l'infanzia, ritardo nello sviluppo motorio, ritardo intellettivo, aspetto caratteristico del volto (con struttura della fronte, degli occhi e del naso a “elmo di guerriero greco”). I bambini colpiti possono inoltre presentare convulsioni, anomalie scheletriche, malformazioni di vari organi (occhi, cuore, apparato genitale e urinario, ecc.).

Come si trasmette la sindrome di Wolf Hirschhorn?

La sindrome dipende dalla perdita (delezione) di un piccola porzione del cromosoma 4, nella regione 4p16. Nel 75-80% dei casi, la delezione avviene de novo (in modo improvviso) nelle cellule che daranno origine a un nuovo individuo (cellula uovo o spermatozoo), mentre nel restante 15-20% dei casi deriva da un assetto cromosomico predisponente già presente in uno dei genitori.

Come avviene la diagnosi della sindrome di Wolf Hirschhorn?

Il sospetto diagnostico viene avanzato in base alle caratteristiche cliniche; l'ipotesi è confermata attraverso tecniche di genetica molecolare (come l'analisi di particolari sequenze di Dna chiamate microsatelliti) oppure di citogenetica molecolare (cariotipo con un bendaggio particolare). Se una coppia ha avuto un figlio affetto dalla sindrome è opportuno cercare di stabilire il meccanismo che ha portato all'insorgenza della malattia (sporadico o ereditario); in caso di nuova gravidanza è possibile effettuare la dignosi prenatale.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Wolf Hirschhorn?

Non esiste una terapia specifica; sono però consigliate fisioterapia, terapia occupazionale e terapia del linguaggio. Alcune condizioni specifiche (per esempio le cardiopatie) possono richiedere un intervento chirurgico, mentre ai pazienti con convulsioni sono somministrati farmaci antiepilettici.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter