Sindrome trico-dento-ossea

Cos'è e come si manifesta la sindrome o displasia trico-dento-ossea?

La sindrome o displasia trico-dento-ossea appartiene al gruppo delle displasie ectodermiche ed è caratterizzata da difetti o particolarità a carico dei capelli, dei denti e delle ossa. Alla nascita, i capelli si presentano tipicamente ricci e crespi, anche se questa caratteristica può svanire con l'adolescenza. I denti presentano ipoplasia (ridotto sviluppo) dello smalto, scolorimento e taurodontismo dei molari (ingrandimento del corpo e riduzione delle radici). Si ha, inoltre, aumento della densità minerale dell'osso (BMD) e dello spessore delle ossa corticali del cranio. Altri segni possibili sono la fragilità e l'appiattimento delle unghie delle mani, la suscettibilità alle carie e agli ascessi dentali, il ritardo nella eruzione dei denti e alcune anomalie ossee. La malattia presenta comunque una significativa variabilità delle manifestazioni cliniche anche all'interno della stessa famiglia.

Come si trasmette la sindrome o displasia trico-dento-ossea?

La sindrome trico-dento-ossea è causata da mutazioni del gene DLX3, localizzato sul cromosoma 17 e si trasmette con modalità autosomica dominante: un genitore eterozigote, cioè che abbia una sola copia alterata del gene, ha il 50% di probabilità di trasmetterla ai figli, che di conseguenza potranno manifestare la malattia.

Come avviene la diagnosi della sindrome o displasia trico-dento-ossea?

La diagnosi si effettua con gli esami clinici e radiologici e viene confermata dal riscontro di mutazioni nel gene DLX3.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome o displasia trico-dento-ossea?

Il trattamento è sintomatico e i pazienti necessitano di controlli regolari dei denti. 

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter