Deficit di LCAT

Cos'è e come si manifesta il deficit di LCAT?

Si tratta di una rara malattia congenita caratterizzata dall'inattività totale o parziale di un enzima presente nel sangue (chiamato LCAT), coinvolto nel metabolismo dei grassi e in particolare nella maturazione e nel funzionamento del cosiddetto colesterolo “buono” (HDL). Ne esistono due forme: il deficit di LCAT di tipo familiare (Familial LCAT Deficiency) e la malattia a “occhi di pesce” (Fish-Eye Disease). Il primo tipo è caratterizzato da inattività completa dell'enzima LCAT e si manifesta con sintomi quali opacità della cornea, anemia, presenza di proteine nelle urine e insufficienza renale. Il secondo tipo è dovuto all'inattività parziale dell'enzima e si manifesta con estrema opacità della cornea e conseguente riduzione o perdita della vista. In entrambi i casi, alcuni pazienti possono sviluppare aterosclerosi, con aumento del rischio cardiovascolare.

Come si trasmette il deficit di LCAT?

La malattia è causata da mutazioni nel gene codificante per l'enzima LCAT e viene trasmessa con modalità autosomica recessiva: occorre ereditare le due copie alterate del gene da entrambi i genitori perché la malattia si manifesti. A seconda del tipo di mutazione presente si avrà la malattia di tipo familiare oppure quella a “occhi di pesce”.

Come avviene la diagnosi del deficit di LCAT?

La prima diagnosi viene effettuata sulla base di segni evidenti (come l'opacità corneale) o di alcuni parametri clinici (come la presenza di proteine nelle urine o la ridotta concentrazione di colesterolo HDL nel sangue). La diagnosi definitiva comporta un test genetico per la ricerca delle mutazioni nel gene LCAT.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per il deficit di LCAT?

Al momento non esiste una terapia specifica. Può essere opportuna una dieta a basso contenuto lipidico per tenere sotto controllo la concentrazione del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue. Vanno sempre controllate la funzionalità dei reni e quella delle cornee: se i sintomi sono molto gravi può essere necessario intervenire rispettivamente con dialisi e trapianto di rene o con trapianto di cornea.

Le associazioni amiche di Telethon:

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sul deficit di LCAT

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter