Sindrome di Griscelli

Cos'è e come si manifesta la sindrome di Griscelli? 

La sindrome di Griscelli è una rara malattia ereditaria caratterizzata da difetti nella pigmentazione della cute e dei capelli (albinismo parziale). Ne esistono tre diverse forme. La forma 1 (GS1) è associata anche a problemi neurologici come atassia, ritardo mentale e convulsioni, che insorgono tra il primo e l’undicesimo anno di età. Recentemente si è visto inoltre che GS1 coincide con quella che finora era nota come sindrome di Elejeide. La forma 2 (GS2) è associata invece a un’immunodeficienza, a causa di un difetto nel funzionamento di alcuni linfociti e un’attivazione incontrollata di alcune cellule del sistema immunitario (macrofagi e linfociti T) nota anche come sindrome emofagocitica. Nel caso della forma 3 (GS3) non si riscontrano invece altre manifestazioni cliniche.

Come si trasmette la sindrome di Griscelli? 

La sindrome è causata da mutazioni che inattivano rispettivamente i geni MYO5A (GS1), RAB27A (GS2) o MLPH (GS3), tutti coinvolti a vario titolo nel trasporto della melanina, il pigmento della pelle. Non è ancora chiaro, nel caso della forma 1, come mai si sviluppino i difetti neurologici: tuttavia, negli ultimi anni è emerso come il gene coinvolto abbia un ruolo fondamentale nei processi mnemonici e di apprendimento e nello sviluppo del cervelletto. Qualunque sia il gene coinvolto, la sindrome si trasmette con modalità autosomica recessiva: se in una coppia entrambi i genitori sono portatori sani di una mutazione, a ogni gravidanza si ha un rischio del 25% di generare figli affetti, il 50% di possibilità di avere figli portatori sani e il 25% di avere figli sani non portatori.

Come avviene la diagnosi della sindrome di Griscelli? 

La diagnosi si basa sulle manifestazioni cliniche, sull’esame microscopico della struttura dei capelli e sull’analisi dell’attività di alcune cellule del sistema immunitario nel caso della GS2. I pazienti con mutazioni nel gene MYO5A associano all’ipopigmentazione un deterioramento neurologico, precoce e grave, ma non mostrano anomalie immunologiche. Queste indagini poi vengono ulteriormente raffinate con la diagnosi molecolare e la ricerca di mutazioni a carico degli specifici geni. È inoltre disponibile la diagnosi prenatale.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Griscelli? 

La prognosi a lungo termine dei pazienti affetti in genere non è buona. Per i pazienti affetti dalla forma 1 non è disponibile alcun trattamento specifico, ma soltanto una terapia a base di corticosteroidi, anticonvulsivanti e antipiretici che però non prevengono la morte precoce dovuta a severe disfunzioni neurologiche. La forma 2, invece, può essere controllata con un trattamento immunosoppressivo a base per esempio di ciclosporina, ma alla lunga può risultare fatale se non si interviene in maniera risolutiva con il trapianto di midollo osseo.

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla sindrome di Griscelli

Aggiornato il 5 marzo 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter