Glomerulonefrite membranoproliferativa primaria

Cos'è e come si manifesta la glomerulonefrite membranoproliferativa primaria?

La glomerulonefrite membranoproliferativa primaria è una malattia renale di natura infiammatoria che colpisce i glomeruli, cioè le unità filtranti dei reni. Può manifestarsi sia nell'adulto (nel 60% circa dei casi) sia nel bambino (nel 40% dei casi). I sintomi principali sono: perdita di sangue (ematuria) e di proteine (proteinuria) nelle urine, pressione alta, alterazione del profilo lipidico del sangue (dislipidemia). In alcuni casi possono essere colpiti anche altri organi o tessuti (per esempio gli occhi o il tessuto adiposo) oltre ai reni. A seconda di caratteristiche istologiche definibili esclusivamente attraverso analisi al microscopio elettronico di campioni di biopsia si distinguono tre tipi differenti di glomerulonefrite membranoproliferativa primaria. Oltre alla forma primaria esistono anche forme secondarie, causate da altre condizioni, quali per esempio infezioni virali. 

Come si trasmette la glomerulonefrite membranoproliferativa primaria?

La glomerulonefrite membranoproliferativa primaria è caratterizzata da un'iperattivazione di una componente del sistema immunitario chiamata sistema del complemento; questa eccessiva attivazione porta alla condizione di infiammazione responsabile della malattia. Nella maggior parte dei pazienti, l'eccessiva attività del sistema del complemento sembra causata dalla produzione di un anticorpo chiamato “nephritic factor” nella quale sono probabilmente coinvolti fattori di tipo genetico. Altri pazienti mostrano invece mutazioni in geni che regolano il sistema del complemento, come il fattore H. In questi casi, la trasmissione è autosomica recessiva: occorre ereditare due copie alterate del gene da entrambi i genitori per manifestare la malattia.

Come avviene la diagnosi della glomerulonefrite membranoproliferativa primaria?

Il sospetto diagnostico può essere avanzato sulla base delle manifestazioni cliniche e di alcuni esami di laboratorio, ma la conferma definitiva avviene solo con l'analisi istologica della biopsia del tessuto renale. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la glomerulonefrite membranoproliferativa primaria?

Alcuni pazienti beneficiano di terapie di immunosoppressione, a base soprattutto di steroidi (che però possono avere significativi effetti collaterali). In molti pazienti è necessario intervenire con la dialisi; è possibile il trapianto, benché la malattia tenda a ripresentarsi. Tuttavia, poiché la sua evoluzione è molto lenta, dopo il trapianto il paziente ha un'aspettativa di vita senza dialisi di circa 10-15 anni. 

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter