Epilessia mioclonica dell'infanzia

Cos'è e come si manifesta l’epilessia mioclonica dell’infanzia? 

L’epilessia mioclonica dell’infanzia è una forma di epilessia caratterizzata, come dice il nome, da mioclono, cioè da spasmi muscolari violenti, che interessano specialmente la testa e gli arti superiori. In genere non è accompagnata da perdita di coscienza. Se ne distinguono due forme. La forma benigna insorge tra i sei mesi e i 3-4 anni di vita ed è caratterizzata da crisi meno intense e frequenti, che non compromettono lo sviluppo del bambino. In questa forma, spesso i miocloni sono scatenati da stimoli esterni (come sensazioni tattili o rumori improvvisi). La forma severa (anche chiamata sindrome di Dravet) insorge in genere prima dei sei mesi di età e comporta crisi frequenti e intense. Spesso si accompagna a deterioramento mentale. 

Come si trasmette l’epilessia mioclonica dell’infanzia? 

Le forme benigne di epilessia mioclonica dell’infanzia sono idiopatiche, cioè senza causa apparente. Si sospetta un coinvolgimento genetico, ma non sono stati identificati geni responsabili. Il 50-80 per cento dei casi delle forme severe, invece, è associato a mutazioni nel canale del sodio SCNA1; si tratta di mutazioni de novo, che insorgono cioè spontaneamente nel paziente, senza essere presenti in altri membri della sua famiglia. 

Come avviene la diagnosi dell’epilessia mioclonica dell’infanzia? 

La diagnosi si basa sull’osservazione clinica e su indagini strumentali quali l’elettroencefalogramma.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per l’epilessia mioclonica dell’infanzia? 

Le forme benigne più lievi non vengono trattate, mentre in alcuni casi sono efficaci farmaci antiepilettici quali le benzodiazepine e il valproato. Le forme severe sono in genere resistenti ai farmaci; in questi casi non esiste una terapia efficace.

Le associazioni amiche di Telethon: 

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter