Encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina (FENIB), forma familiare

Che cos’è e come si manifesta la forma familiare dell’encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina?

L’encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina (FENIB) è una grave malattia neurodegenerativa ereditaria. Si manifesta con demenza, epilessia e movimento rapido e involontario dei muscoli. A oggi di conoscono cinque diversi difetti nel gene della neuroserpina - una proteina sintetizzata e secreta dalle cellule del cervello - in grado di causare FENIB. Ognuno di questi causa l’aggregazione e l’accumulo di neuroserpina all’interno del cervello e il conseguente malfunzionamento delle cellule nervose. L’età d’insorgenza e la gravità dei sintomi sono molto variabili e dipendono dal tipo di difetto genico.

Come si trasmette la forma familiare dell’encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina?

La FENIB si trasmette con modalità autosomica dominante: il genitore malato ha il 50% di possibilità di trasmettere la patologia ai propri figli.  In molti casi, però, la malattia si manifesta in maniera sporadica, in assenza di precedenti in famiglia.

Come avviene la diagnosi della forma familiare dell’encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina?

Inizialmente i sintomi possono essere confusi con quelli di altre neuropatie e ritardare così la diagnosi della malattia. Questa arriva in seguito all’esame istologico che evidenzia la presenza di aggregati di neuroserpina (corpi di Collins). La diagnosi definitiva richiede l’analisi di difetti nella sequenza del gene per la neuroserpina. 

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la forma familiare dell’encefalopatia con corpi d’inclusione di neuroserpina?

Al momento non ci sono possibilità di cura.

Aggiornato il 23 febbraio 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter