Down, sindrome di

Cos'è e come si manifesta la sindrome di Down?

La sindrome di Down è dovuta a un'anomalia cromosomica e rappresenta la causa più frequente di ritardo mentale, più o meno grave. Il deficit cognitivo è associato a caratteristiche fisiche (viso rotondo, taglio orientale degli occhi, orecchie piccole, bassa statura, scarso tono muscolare) e a complicanze quali cardiopatie, malformazioni intestinali, cataratta, apnea durante il sonno, malattie autoimmuni (diabete) o endocrine (ipotiroidismo) e, in età matura, la malattia di Alzheimer.

Come si trasmette la sindrome di Down?

La sindrome è dovuta alla presenza di una copia in più (tre anziché due) del cromosoma 21, per cui è detta anche trisomia 21. Il difetto genetico è congenito e non ereditario: nella maggior parte dei casi insorge in modo spontaneo durante  lo sviluppo dei gameti o subito dopo il concepimento. Il cromosoma sovrannumerario può essere presente per intero oppure solo in parte, in genere per effetto del trasferimento (traslocazione) di una porzione del cromosoma 21 su un altro cromosoma. Una terza forma, più rara, è il mosaicismo, in cui solo alcune cellule della persona affetta presentano la trisomia, mentre altre sono normali. In questo caso le manifestazioni possono essere più lievi.

Come avviene la diagnosi della sindrome di Down?

La maggior parte delle diagnosi avviene oggi in epoca prenatale. Alcuni parametri ecografici (come la translucenza nucale) permettono già nei primi mesi di gravidanza di sospettare la presenza della sindrome. Questa può poi essere confermata con tecniche quali la villocentesi o l'amniocentesi che  permettono di ottenere la mappa dei cromosomi del feto (cariotipo). Dopo la nascita la diagnosi viene fatta a partire da osservazioni cliniche e confermata dall'indagine citogenetica del cariotipo.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la sindrome di Down?

Non esiste una terapia specifica. Si può però migliorare notevolmente la durata e la qualità della vita delle persone affette intervenendo in modo mirato sulle malformazioni e avviando il più precocemente possibile adeguate terapie riabilitative fisiche e mentali: quanto più sono seguiti e stimolati i bambini con sindrome di Down, tanto più soddisfacente sarà il loro inserimento sociale, scolastico e lavorativo.

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla sindrome di Down

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Bal En Tete, una serata di Carnevale per Telethon
In occasione del Carnevale, il Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma dedica una serata speciale a Fondazione Telethon: martedì 9 febbraio alle ore 21.00 appuntamento con “Bal En Tete”, un evento di Carnevale destinato a raccogliere fondi per combattere le malattie genetiche rare.La serata, p...
immagine-anteprima-news
Fondazione Telethon tra gli enti firmatari della petizione “La ricerca è Vita”
Fondazione Telethon è tra i 37 enti pubblici e privati (Università, Istituti di ricerca, associazioni di pazienti) che hanno scelto di mobilitarsi per non fermare la ricerca in Italia. Lo fa unendosi alle oltre 3.300 firme raccolte attraverso la petizione “La Ricerca è Vita” finalizzata a chiede...
immagine-anteprima-news
Francesca Pasinelli a UnoMattina perché crediamo nella trasparenza e nel dialogo
Francesca Pasinelli, direttore generale di Fondazione Telethon, giovedì 4 febbraio è ospite della trasmissione Unomattina. A poche settimane dalla maratona televisiva la presenza del nostro direttore generale in tv è una conferma dello sforzo costante che facciamo per raccontare, a chi ha fiducia...
immagine-anteprima-news
Distrofia muscolare di Duchenne: scoperto un fattore che consente di attenuare gli effetti di alcune mutazioni
Tutto è partito dall’osservazione di un paziente di diciotto anni affetto da distrofia muscolare di Duchenne, che contro ogni aspettativa rispetto all’età, era ancora in grado di camminare e muoversi in maniera autonoma.La distrofia di Duchenne è la malattia neuromuscolare più frequente dell’inf...

Dona ora

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter