Disostosi acro-fronto-facio-nasale

Che cos’è e come si manifesta la disostosi acro-fronto-facio-nasale?

La disostosi acro-fronto-facio-nasale è una sindrome ereditaria umana estremamente rara, segnalata finora soltanto in tre famiglie brasiliane e in una di origine indiana. In generale, le disostosi sono malattie dovute a difetti nello sviluppo embrionale, che possono colpire diverse regioni dello scheletro come cranio, volto, scheletro assiale o appendicolare, ma anche altri organi. In particolare, l’AFFND1 è caratterizzata da bassa statura, e ritardo mentale. Sono presenti inoltre anomalie del volto (aumento anomalo della distanza tra gli occhi, punta del naso appiattita, fessurazione de labbro o del palato) e delle dita (flessione dell’articolazione centrale di un dito, ossa delle dita delle mani e dei piedi insolitamente corte, presenza di dita supplementari o fusione di dita), scarso sviluppo di alcune ossa come l’ileo e il perone.

Come si trasmette la disostosi acro-fronto-facio-nasale?

Si ritiene che l’eredità sia di tipo autosomico recessivo: per mostrare i sintomi occorre cioè ereditare il difetto genetico da ciascuno dei genitori. Non si conosce al momento il gene responsabile.

Come avviene la diagnosi della disostosi acro-fronto-facio-nasale?

La diagnosi ad oggi è puramente basata sui segni clinici, visto che il gene responsabile della malattia non è ancora noto e quindi non è possibile fare una diagnosi genetica.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la disostosi acro-fronto-facio-nasale?

Al momento non esiste una cura. In alcuni casi si effettuano interventi di chirurgia ortopedica.

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter