Discheratosi congenita

Cos'è e come si manifesta la discheratosi congenita?

La discheratosi congenita è una rara malattia caratterizzata da insufficienza progressiva del midollo osseo e da una triade di sintomi della cute e delle mucose: anomalie della pigmentazione cutanea, distrofia delle unghie e leucoplachia della mucosa del cavo orale (formazione di una placca bianca che rappresenta probabilmente una lesione pretumorale). L'insufficienza del midollo osseo è la causa principale di morte precoce, insieme alla predisposizione a lesioni tumorali e a complicazioni polmonari. La malattia è comunque molto eterogenea dal punto di vista clinico.

Come si trasmette la discheratosi congenita?

Sono noti diversi geni coinvolti – quando mutati – con l'insorgenza della sindrome, tutti codificanti per proteine che prendono parte al processo di mantenimento e stabilizzazione delle estremità dei cromosomi (telomeri). La modalità di trasmissione varia a seconda del gene coinvolto. Nella forma recessiva legata all'X (DKC1) in genere solo i maschi presentano i sintomi, mentre le femmine sono portatrici sane. Nella forma autosomica dominante (TERC, TERT) un genitore con la mutazione (quindi malato) ha il 50% di probabilità di trasmettere la malattia a ciascuno dei propri figli, mentre in quella autosomica recessiva (NOP10) i genitori sono portatori sani e hanno il 25% di probabilità di trasmettere la malattia a ciascuno dei figli.

Come avviene la diagnosi della discheratosi congenita?

La diagnosi è prima di tutto clinica e viene in seguito confermata dall'analisi genetica, con ricerca di mutazioni nei geni coinvolti.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la discheratosi congenita?

L'unica possibilità terapeutica definitiva è rappresentata dal trapianto di cellule staminali emopoietiche. A breve termine, possono essere d'aiuto trattamenti per migliorare la funzionalità del midollo osseo (per esempio steroidi o eritropoietina).

orphanet
Consulta anche la scheda di Orphanet sulla discheratosi congenita

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

INFORMATIVA ai sensi dell art.13 del D.Lgs. 196/2003
I dati personali e sensibili verranno registrati e custoditi in un database informatico della Fondazione Telethon, quale Titolare del trattamento dei dati, al fine di costruire e mantenere per ciascuno utente una scheda rintracciabile, da consultare in caso di futura richiesta da parte dello stesso utente. Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto comporta l’impossibilità di dar luogo a tale finalità.
I dati non verranno diffusi, ma potranno essere comunicati a soggetti incaricati, all'interno della Fondazione Telethon, con le modalità previste dalla normativa.
Potrà esercitare tutti i diritti previsti all’art.7 del d.lgs.196/2003, facendone richiesta al Titolare del trattamento – Fondazione Telethon, Piazza Cavour, 1 – 20121 - Milano, nella persona del Responsabile dell’Ufficio Filo diretto con le Malattie Genetiche.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI

Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 196/2003, preso atto dell’informativa che precede e di quanto previsto all’art.7 d.lgs.196/2003, liberamente decide di dare il consenso Non dare il consenso al trattamento dei dati personali

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter