Disabilità intellettiva legata al cromosoma X

Cos'è e come si manifesta la disabilità intellettiva legata al cromosoma X?

La disabilità intellettiva legata al cromosoma X è una delle forme genetiche più comuni di disabilità intellettiva. In generale, è l’handicap più frequente nei bambini e negli adolescenti, con un’incidenza del 3 per cento nella popolazione umana. I bambini colpiti mostrano limitazioni nelle funzioni cognitive, nel linguaggio e nelle capacità d’interazione sociale e comunicative. La malattia dipende da difetti della formazione e della funzionalità delle sinapsi, le strutture di “comunicazione” tra cellule nervose. La corretta formazione delle sinapsi nel sistema nervoso centrale durante l’infanzia fornisce la base biologica per consentire lo sviluppo dei processi cognitivi come l’apprendimento, la memoria, le capacità comunicative. Se queste strutture non si formano o non funzionano correttamente, possono insorgere disturbi quali autismo, disabilità intellettive e molti disordini degenerativi. Le cause più comuni sono quelle di origine genetica (anomalie cromosomiche o di singoli geni) oppure quelle indotte da altre patologie mediche contratte durante il periodo prenatale o postatale. Tra le condizioni genetiche, le più frequenti sono le forme associate a mutazioni di geni sul cromosoma X. La disabilità intellettiva legata al cromosoma X si divide in forme sindromiche e non specifiche, a seconda se si presenta o meno associato ad altre patologie.

Come si trasmette la disabilità intellettiva legata al cromosoma X?

La disabilità intellettiva non specifica associata al cromosoma X è una malattia genetica ereditaria trasmessa come carattere legato al cromosoma X. Ecco perché vi è un eccesso di circa il 30 per cento di maschi affetti. Negli ultimi anni, grazie all’avvento di nuove tecniche di sequenziamento del genoma, sono stati identificati 117 geni coinvolti nell'insorgenza della malattia.

Come avviene la diagnosi della disabilità intellettiva legata al cromosoma X?

La diagnosi della disabilità intellettiva non specifica avviene di norma su base clinica; è una diagnosi complicata, poiché una definizione precisa delle funzioni cognitive alterate non è sempre possibile, e comunque risulta estremamente eterogenea tra i diversi pazienti. In alcuni casi è possibile confermare la diagnosi attraverso indagine genetica o citogenetica.

Quali sono le possibilità di cura attualmente disponibili per la disabilità intellettiva legata al cromosoma X?

Non esiste alcuna cura farmacologia al momento. In alcuni casi, le abilità cognitive possono essere migliorate grazie a interventi educativi personalizzati.

Aggiornato il 12 giugno 2012

Cerchi informazioni sulle malattie genetiche? Scrivi ai nostri genetisti

Dopo aver preso visione dell'informativa il Soggetto interessato liberamente dichiara:

Desidero ricevere assistenza dal servizio Info_Rare che risponderà via email alle richieste di chi ha scoperto di avere una malattia genetica rara o vuole avere informazioni sui progetti di ricerca attualmente in corso.*

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora per la ricerca

Basta un piccolo gesto per regalare una speranza concreta a chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica.

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter