TOMMASO PIPPUCCI

TOMMASO PIPPUCCI

Nato nel 1977 a Firenze, Tommaso Pippucci si è laureato in Biologia all'Università di Firenze e ha conseguito il dottorato di ricerca in Biochimica (programma in Genomica e Post-genomica) all'Università di Bologna.

Durante il suo post-doc Tommaso Pippucci ha lavorato in Francia presso l'INSERM, Hopital Paul Brousse, a Villejuif (Francia). Attualmente lavora presso l'unità operativa di Genetica medica del Policlinico Sant'Orsola Malpighi di Bologna.

Tommaso Pippucci si è sempre interessato di malattie rare, concentrandosi sull’identificazione di geni mutati in malattie neurologiche e non. All'epilessia si è avvicinato dapprima coordinando un progetto per giovani ricercatori del ministero della Salute italiano, dedicato alla caratterizzazione genetica delle epilessie temporali laterali. In questo progetto Telethon, l'obiettivo è quello di chiarire le basi patogenetiche di una diversa forma di epilessia, denominata epilessia notturna del lobo frontale, di cui per un’elevata percentuale dei pazienti resta ignota la causa.

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter