STEFANO BONATTI

STEFANO BONATTI

Nato a Napoli nel 1950, Stefano Bonatti ha conseguito la laurea in Scienze Biologiche nel 1974 presso l'Università Federico II di Napoli, dove ha poi proseguito la sua formazione universitaria.

Dopo diverse esperienze all'estero, dal 1994 Stefano Bonatti è professore ordinario di Biologia Cellulare presso l'Università Federico II di Napoli.

L'attività di ricerca di Stefano Bonatti si concentra sullo studio dei meccanismi di sintesi e di assemblaggio nel reticolo endoplasmatico, un particolare compartimento cellulare, di proteine transmembrana, tra cui la proteina trasportatrice del rame coinvolta nella malattia di Wilson.

 

Fare ricerca non è mai ripetitivo, anche quando apparentemente lo sembra. Le domande da affrontare sono sempre nuove, le metodiche cambiano e, soprattutto, offre il piacere di interagire con nuovi giovani collaboratori ogni 3-4 anni mentre i "vecchi" procedono nella carriera in Italia o all'estero. Questi sono gli aspetti più positivi del nostro lavoro, insieme alla soddisfazione di insegnare a studenti motivati.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Si svolgono a Lignano Sabbiadoro (Udine) le Manifestazioni Nazionali Uildm, il più importante incontro annuale che riunisce tutte le Sezioni locali e la Direzione nazionale dell’associazione, che da 60 anni opera per promuovere la ricerca scientifica e l’informazione sanitaria sulla distrofia e l...
immagine-anteprima-news
La V edizione degli Huntington Days, le giornate di informazione e sensibilizzazione sulla malattia di Huntington, si aprono a Padova oggi mercoledì 15 maggio, con un Convegno dal titolo “Il viaggio del gene Huntington: dalla scoperta al suo silenziamento”, al quale parteciperà James Gusella, ge...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter