ROBERTO TESTI

ROBERTO TESTI

Nato a Roma nel 1957, Roberto Testi si è laureato in Medicina e chirurgia presso l'Università di Roma "La Sapienza", dove ha svolto anche il suo post-doc in Immunologia.

Dopo un periodo di ricerca negli Usa, prima presso l’Università di Harvard, successivamente al Becton Dickinson Monoclonal Cencer di Mountain View (California), quindi all’Università della California di San Francisco, è rientrato in Italia presso il dipartimento di Medicina sperimentale dell’Università di Roma "La Sapienza".

Attualmente Roberto Testi dirige il Laboratorio di trasduzione del segnale e la divisione Malattie rare del dipartimento Medicina e prevenzione, presso l'Università di Roma "Tor Vergata", dove ricopre anche la carica di professore ordinario di Immunologia presso la facoltà di Medicina. L'attività suo gruppo di ricerca è incentrata sullo sviluppo di una terapia per l'atassia di Friedreich.

«Quando dieci anni fa ho deciso di studiare l'atassia di Friedreich, una malattia genetica rara ancora senza cura, ho voluto mettere a frutto le mie competenze, precedentemente accumulate in altri campi, per tentare di trovare una strategia terapeutica efficace per questa malattia. Credo che oggi sia questo l'aspetto più affascinante e di maggior soddisfazione del mio lavoro».

«Quando dieci anni fa ho deciso di studiare l'atassia di Friedreich, una malattia genetica rara ancora senza cura, ho voluto mettere a frutto le mie competenze, precedentemente accumulate in altri campi, per tentare di trovare una strategia terapeutica efficace per questa malattia. Credo che oggi sia questo l'aspetto più affascinante e di maggior soddisfazione del mio lavoro».

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter