PIETRO PICHIERRI

PIETRO PICHIERRI

Nato a Viterbo nel 1970, Pietro Pichierri si è laureato in Scienze biologiche presso l'Università della Tuscia, dove ha anche conseguito il dottorato di ricerca in Biochimica nel 2003.

Dopo un post-doc presso il CNRS a Villejuif, in Francia, Pietro Pichierri è rientrato in Italia alla fine del 2004 in seguito all'assegnazione di un finanziamento Telethon.

Attualmente coordina un gruppo di ricerca presso la sezione di Cancerogenesi sperimentale e computazionale del dipartimento Ambiente e connessa prevenzione primaria dell'Istituto superiore di sanità a Roma, che studia i meccanismi alla base del mantenimento della stabilità del genoma durante la replicazione del Dna. Difetti in questi meccanismi sono alla base di malattie genetiche denominate sindromi da fragilità cromosomica, tra cui l'anemia di Fanconi, le sindromi di Werner e di Bloom e la sindrome di Seckel.

 

Sono sempre stato affascinato dai meccanismi molecolari presenti nelle nostre cellule sin dal liceo. Mi sono iscritto a Biologia perché volevo fare ricerca in campo biomedico. La molla più forte che mi ha spinto è la curiosità di scoprire come funzionano le nostre cellule, e, se possibile dare un piccolo contributo alla comprensione delle basi molecolari delle patologie umane.

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
«Un’esortazione da fare alla Fondazione? Sfruttateci di più». Anna Maria Accoto, 39 anni, consulente del lavoro e coordinatrice Telethon per la provincia di Lecce ha energia da vendere, a tal punto da suggerire che il suo ruolo e il suo impegno possano essere “utilizzati” ancora di più per attir...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter