MASSIMO ZEVIANI

MASSIMO ZEVIANI

Nato a Genova nel 1955, Massimo Zeviani si è laureato in Medicina e chirurgia presso l’Università di Padova e si è specializzato in Endocrinologia presso l’Università di Padova e in Neurologia presso l’Università di Verona.

Ha ottenuto un dottorato di ricerca in Genetica presso l’Università René Descartes – Paris V, Parigi, Francia. Dopo un periodo negli Stati Uniti è rientrato in Italia negli anni ’90 presso la divisione di Biochimica e genetica dell’Istituto neurologico “Carlo Besta” di Milano, dove è stato direttore dell’unità operativa di Neurogenetica molecolare, coordinando un gruppo di oltre 20 persone tra ricercatori, post-doc, dottorandi e tesisti.

Massimo Zeviani ha ricevuto numerosi finanziamenti Telethon per la sua attività di ricerca, incentrata sulla comprensione dei meccanismi molecolari responsabili delle malattie mitocondriali e sullo sviluppo di terapie genetiche e farmacologiche per la cura di queste patologie.

Dal 2012 si è trasferito a Cambridge, nel Regno Unito, dove dirige la MRC Mitochondrial Biology Unit.

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Non siete soli. È questo il messaggio che XLPDR International Association Onlus, tra le Associazioni Amiche di Fondazione Telethon, ha scelto di trasmettere nel documentario “Pensavo di essere diverso”. Un corto a cura del regista Kemal Comert, in cui le immagini si fondono con le parole con una ...
immagine-anteprima-news
Quando si decide di far procedere la propria esistenza lungo le direttrici della solidarietà e dell’altruismo è comprensibile desiderare che questo tracciato possa proseguire all’infinito, oltre ogni umana esperienza. Il lascito può darci, in questa prospettiva, serenità e gioia di vivere, anche ...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter