MARCELLO ARCA

MARCELLO ARCA

Nato nel 1958 a Pontecorvo (Fr), Marcello Arca si è laureato in Medicina e Chirurgia all'Università "La Sapienza" di Roma nel 1983, specializzandosi poi in malattie del fegato nel 1986.

Dopo un periodo all'estero presso la UT Southwestern University a Dallas in Texas, sotto la guida dei premi Nobel della Medicina J. Goldstein e M. Brown, nel 1993 è rientrato in Italia.

Attualmente Marcello Arca è professore associato di Medicina interna presso l'Università "La Sapienza", coordina un gruppo di ricerca di 8 persone e svolge attività clinica.

Il lavoro di ricerca di Marcello Arca si concentra prevalentemente sullo studio e sulla cura delle malattie genetiche del metabolismo dei grassi (lipidi).

«Ho scelto di fare il ricercatore perché sono sempre stato affascinato dalla comprensione dei meccanismi che causano le malattie e dalla possibilità di curarli. Come medico ho scelto di occuparmi di malattie genetiche rare proprio perché senza cura , oltre al fatto che costituiscono un modello molto utile per comprendere alcuni meccanismi fisiopatologici. Lavorare con fondi Telethon rappresenta una grande opportunità per poter proseguire i miei studi su malattie come la malattia da accumulo di lipidi neutri e per far crescere l’attenzione di tutti su queste gravi patologie orfane».

«Ho scelto di fare il ricercatore perché sono sempre stato affascinato dalla comprensione dei meccanismi che causano le malattie e dalla possibilità di curarli. Come medico ho scelto di occuparmi di malattie genetiche rare proprio perché senza cura , oltre al fatto che costituiscono un modello molto utile per comprendere alcuni meccanismi fisiopatologici. Lavorare con fondi Telethon rappresenta una grande opportunità per poter proseguire i miei studi su malattie come la malattia da accumulo di lipidi neutri e per far crescere l’attenzione di tutti su queste gravi patologie orfane».

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Articolo tratto dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani Immaginate un’efficientissima équipe microchirurgica, così piccola da poter entrare nelle nostre cellule fino a raggiungere il Dna, proprio lì dove risiede un difetto genetico responsabile di una specifica malattia. Pensate poi alla po...
immagine-anteprima-news
Intervista tratta dal Telethon Notizie 4-2017. Di Donato Ramani «Abbiamo ottenuto dei risultati molto importanti grazie a una tecnica che potrebbe rappresentare il futuro della terapia genica». Ricercatore dell’Istituto San Raffaele-Telethon, premiato come giovane ricercatore emergente a fine 201...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter