GIORGIO ROBERTO MERLO

GIORGIO ROBERTO MERLO

Nato a Torino nel 1962, Giorgio Merlo si è laureato in Scienze biologiche all'Università di Torino e si è specializzato in Genetica medica all'Università di Genova.

Dopo una serie di esperienze all'estero (Stati Uniti e Svizzera), Giorgio Merlo è tornato in Italia. Dal 2000 al 2010 ha fatto parte dell'Istituto Telethon Dulbecco (Dti), il programma carriere di Fondazione Telethon.

Attualmente Giorgio Merlo coordina un gruppo di ricerca presso il Centro per le biotecnologie molecolari dell'Università di Torino, dove è anche docente di Biologia generale. Studia le cause molecolari della sindrome Eec, una patologia congenita che colpisce lo sviluppo dello scheletro della testa e degli arti.

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
Era il 2006 quando per la prima volta veniva approvato un farmaco per la malattia di Pompe (glicogenosi di tipo II), una versione sintetica dell’enzima carente in questi pazienti prodotto artificialmente e somministrato attraverso il sangue. Rimani in contatto con Fondazione Telethon, iscriviti a...
immagine-anteprima-news
La sindrome di X fragile è la forma più comune di ritardo mentale dopo la sindrome di Down, eppure la disabilità delle persone che sono affetti può essere invisibile agli occhi.Come nel caso di Viola e Francesca che hanno combattuto per anni con la sensazione di sentirsi “invisibili”, specialmen...
immagine-anteprima-news
Immaginatevi una ragazza che con il fratello gemello festeggia la maggiore età. Pensatela poi con occhi incantati, vivere l’esperienza di trovarsi “dentro” “La Notte stellata” di Van Gogh in 3D, nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli. «È un capolavoro», dice Rossella. «Immergermi in qu...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter