GIORGIO CARMIGNOTO

GIORGIO CARMIGNOTO

Nato a Montegrotto Terme (PD) nel 1953, Giorgio Carmignoto si è laureato in Chimica farmaceutica presso l’Università di Padova.

Dopo un lungo periodo di ricerca negli Stati Uniti, è rientrato in Italia. Attualmente Giorgio Carmignoto è ricercatore dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche a Padova, dove coordina un gruppo dedicato allo studio del cervello e in particolare dei meccanismi che sono alla base dell’epilessia.

«Per il nostro gruppo il finanziamento dei nostri progetti sui meccanismi cellulari alla base della generazione delle scariche epilettiche ha rappresentato un contributo importante per la nostra ricerca. L'aspetto tuttavia più' significativo per noi è stato entrare in contatto con il mondo che ruota attorno a Telethon, fatto di entusiasmo e serietà, di passione, di sofferenza e speranza. Orgogliosi quindi di potere forse un giorno fare anche noi qualcosa di buono».

«Per il nostro gruppo il finanziamento dei nostri progetti sui meccanismi cellulari alla base della generazione delle scariche epilettiche ha rappresentato un contributo importante per la nostra ricerca. L'aspetto tuttavia più' significativo per noi è stato entrare in contatto con il mondo che ruota attorno a Telethon, fatto di entusiasmo e serietà, di passione, di sofferenza e speranza. Orgogliosi quindi di potere forse un giorno fare anche noi qualcosa di buono».

Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

Di Francesca Pasinelli È incoraggiante che il ministro Bussetti sia entrato già più volte nel tema dell’Agenzia per la ricerca. Forse c’è la volontà di rispondere alle sollecitazioni sull’argomento. Ha parlato di un’agenzia che serva a «coordinare e raccordare strutturalmente» gli enti pubblici d...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter