ENRICO CHERUBINI

ENRICO CHERUBINI

Nato a Roma nel 1943, Enrico Cherubini si è laureato in Medicina e chirurgia presso l'Università Sapienza di Roma, dove si è specializzato in Neuropsichiatria infantile.

Dopo diversi anni di ricerca all'estero, in Francia (Università di Aix-Marsiglia, Centro nazionale di ricerca scientifica e Parigi, Istituto nazionale della salute e della ricerca medica) e negli Usa (Università della California, Massachusetts Institute of Technology, Vollum Institute) è ritornato definitivamente in Italia nel 1992 come professore di Fisiologia prima presso l'Università di Siena e dal 1994 presso la Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) di Trieste, dove con il suo gruppo di ricerca studia la plasticità cerebrale e i meccanismi alterati in patologie neurologiche come l'autismo.

 

Ho scelto di fare il ricercatore spinto da una grande curiosità: conoscere, almeno in piccola parte, come funziona il nostro cervello e in particolare come alterazioni nei microcircuiti corticali modifichino i nostri comportamenti.

ANDREA FRUSTACI Ricercatore

Aiutaci anche tu, dona ora

Le ultime notizie

immagine-anteprima-news
La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia rara neurodegenerativa che oggi nel nostro Paese colpisce circa 6000 persone. Ma la ricerca non si ferma.AriSLA (Fondazione Italiana di ricerca per la SLA) inaugura il nuovo anno annunciando i progetti vincitori della Call for Projects 2017: il deci...
immagine-anteprima-news
Come tanti bambini Clara nasce prima del termine, ma non è questo a preoccupare mamma Melany e papà Massimo. I suoi valori di glicemia sono troppo bassi e quella che sembra una simpatica smorfia nel fare la linguaccia è in realtà un’anomalia che si chiama macroglossia. Le rassicurazioni dei pedi...

Dona ora

Sostenendo Telethon attraverso una piccola donazione, con il tuo contributo potrai dare una speranza concreta a chi lotta contro una malattia genetica

Newsletter

Ti piacerebbe ricevere aggiornamenti sulle storie, le attività e gli eventi della Fondazione Telethon? Iscriviti alla nostra newsletter